Please assign a menu to the primary menu location under menu

POLITICAREGIONE

Aree protette: nuovo scontro Giunta regionale – PD

Il Governo impugna la legge ma l'Assessore Piana ne rivendica la correttezza

Il Consiglio dei Ministri  ha impugnato la legge della regione Liguria, n. 7 del 15/07/2022, in particolare l’articolo 18, sul riordino delle aree protette, che  aveva previsto l’ingresso dei comuni di Urbe nel Parco del Beigua, di Molini di Triora nel Parco delle Alpi Liguri, di Montoggio nel Parco dell’Antola, ma nel contempo le riduzioni di superfici tutelate negli altri comuni, compreso il Parco dell’Aveto.

Sulla riduzione delle superfici tutelate si era espressa Legambiente con preoccupazione; il presidente regionale, Santo Grammatico, così ha dichiarato “Avevamo salutato l’ingresso dei nuovi comuni nel sistema delle aree protette regionale con favore, esprimendo perplessità e chiedendo un ripensamento rispetto ai tagli effettuati negli altri comuni. Ci ha pensato il Consiglio dei Ministri e le motivazioni che portano all’impugnazione sono particolarmente severe, a proposito delle riduzioni avvenute“.

La Regione Liguria viene incolpata di aver ridotto le superfici sottraendole alla tutela naturalistica e paesaggistica in assenza di copianificazione col Ministero della Cultura e, in merito a ciò, sempre il presidente Grammatico così precisa: “Tale aspetto si può contemplare se e solo se si integra e aggiunge territorio da proteggere  e mai e poi mai se invece viene sottratto, come è stato fatto in questo caso. Il testo che motiva l’impugnazione sottolinea che Regione Liguria ha ecceduto i limiti propri dell’autonomia regionale, che la norma è illegittima sotto il profilo paesaggistico, in quanto determina una vistosa deroga, se non addirittura un pieno contrasto, al principio della necessaria prevalenza della pianificazione paesaggistica rispetto a ogni altro piano, programma o progetto nazionale o regionale e inoltre, riducendo i confini dei Parchi regionali, appare anche contraria all’articolo 9 della Costituzione, in quanto comporta un abbassamento dei livelli di tutela.

Non sfugge l’occasione al Gruppo del Partito Democratico in Consiglio Regionale per una dura critica, che riportiamo: “L’impugnazione da parte del Consiglio dei Ministri della legge regionale sul riordino delle aree protette è l’ennesima dimostrazione dei pasticci dell’assessore Piana, della Lega e della Destra di Toti in fatto di tutela del territorio. Un’altra pessima figura da parte di chi non tiene in nessun conto ambiente e sostenibilità. L’inserimento di Urbe nel Parco del Beigua, previsto da questa legge, è stato un passo nella direzione giusta, che ha infatti trovato la nostra approvazione, mentre fin da subito abbiamo contestato l’idea di ridurre l’estensione delle aree protette, e ora le motivazioni del Consiglio dei ministri lo confermano. E’ indispensabile avviare un percorso che vada nella direzione opposta rispetto a quello intrapreso dalla Giunta Toti che, in totale contraddizione rispetto allo sviluppo e alle necessità del territorio, riduce le aree protette anziché ampliarle“.

La destra in Liguria – continuano i consiglieri del PD in Regione – ci prova da anni, prima con la legge ‘Tagliaparchi’ della Lega, poi impugnata, e con tante altre iniziative tese a depotenziare le aree protette regionali e a bloccare la creazione di nuovi Parchi Nazionali, come quello di Portofino, oppure la mancata estensione dei confini del Parco dell’Antola; delle Alpi Liguri o del Aveto, riducendo le superfici e sottraendole alla tutela naturalistica e paesaggistica senza coinvolgere il Ministero della Cultura.  Il pasticcio di oggi è solo l’ultimo di una destra contro l’ambiente e la sostenibilità”.

L’ Assessore regionale all’agricoltura con competenza sui parchi e Vicepresidente della Regione, Alessandro Piana, così ha commentato e risposto:

Il gruppo Pd non si stanca di mentire sapendo di farlo, a meno che non abbia bisogno di ripetizioni di matematica. Tutto è possibile, ma se da un parco si tolgono 160 ettari e se inseriscono 218 il risultato da noi, e credo non solo, è + 58. Dunque un saldo positivo, non negativo. Chi vuol capire capisce benissimo, così come chi vuole usare il buon senso è giusto che lo adoperi. Tanto più dopo le varie  conferenze con gli Enti Locali e i tavoli tecnici realizzati seguendo alla lettera la sentenza della Corte Costituzionale che abbiamo rispettato per l’appunto introducendo il necessario coinvolgimento degli Enti Locali. Se un Comune vuole rivedere l’estensione delle aree protette e un altro desidera aumentarla non è forse compito dell’amministrazione improntare la sua azione sul bene comune? Sulle necessità del territorio? Perché se così non fosse allora i Parchi sarebbero da considerarsi alla stregua di una setta, non con ingressi motivati, ma con scelte sataniche da cui sarebbe impossibile fare retromarcia. E se così fosse i Comuni ci penserebbero bene prima di entrarci. Aderiamo convintamente all’estensione prevista dalla Strategia Europea della Biodiversità: l’ambiente resta una delle nostre priorità. Non accettiamo che alcuni argomenti diventino schermaglie politiche prive di fondamento. Ricordo che il percorso che ha portato all’approvazione della legge regionale di ridefinizione dei confini delle aree protette ha visto il coinvolgimento di tutti i sindaci dei territori attraverso lo svolgimento delle conferenze degli Enti Locali previste dalla Legge 394/91 e introdotta dalla norma quadro regionale proprio a seguito della sentenza della corte costituzionale del 2020. A seguito di questa pronuncia la Regione Liguria ha modificato prima la norma quadro regionale e poi ne ha dato attuazione recependo le volontà del territorio. E proprio nessun territorio resta tagliato fuori da adeguate tutele. Avremo modo di dipanare quanto affermato dal Ministero della Cultura entrato a gamba tesa nella sfera di competenza del Ministero della Transizione Ecologica che, sulla norma, non ha avuto nulla da eccepire. Atteniamoci alla legge quadro nazionale che ha valenza di norma speciale e riportiamo i grandi temi sul concreto, senza vacue ideologie”.

Seguiremo lo svolgimento degli eventi e appureremo se alla Regione Liguria verrà riconosciuto di aver agito correttamente.

Immagine: un fantastico scorcio del parco regionale dell’Aveto da Facebook

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: