Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀREGIONE

Begato, liberato il cantiere dalle macerie

Si è conclusa la fase 2 del progetto di riqualificazione del quartiere “Diamante” a Begato, quella che ha riguardato la demolizione delle “Dighe” e l’allontanamento dei 30.000 metri cubi di detriti inerti non pericolosi; macerie trasportate con circa 1500 viaggi fino all’area di trattamento nel cantiere di via Ugo Polonio nel quartiere di Trasta a Genova, a soli 4 km dal sito di provenienza. Parallelamente è partita la campagna di trattamento dei rifiuti inerti non pericolosi provenienti dalle attività di demolizione dei fabbricati del cantiere che sono stati frantumati e riutilizzati per opere di riempimento e per la creazione di un sottofondo per i futuri fabbricati e piazzali; grazie alle precedenti operazioni di strip – out e al processo di riduzione volumetrica e di eliminazione delle parti ferrose attuati negli ultimi mesi, è stato possibile trattare gli inerti, con il fine di riciclarli e impiegarli nuovamente nel settore delle costruzioni; in questo modo gli inerti sono diventati materia prima secondaria e questa soluzione ha consentito anche di limitare l’attività di trasporto agli impianti fissi autorizzati, rispettando il criterio di prossimità per la gestione dei rifiuti. Parallelamente è stata avviata la fase 3, quella della rigenerazione del quartiere; nella parte non demolita della Diga Bianca, al civico 11 di via Cechov verranno realizzati 55 nuovi alloggi di Edilizia residenziale pubblica ad alta efficienza energetica: l’intervento verrà suddiviso in due lotti funzionali di cui si è conclusa la progettazione esecutiva. Entro la metà di luglio verrà avviata la gara per l’affidamento dei lavori relativi al primo lotto. Verranno inoltre realizzate 3 nuove palazzine di alloggi NZEB (Nearly Zero Energy Building) ad elevata efficienza energetica, caratterizzati da moduli abitativi innovativi, che troveranno collocazione su una porzione del sedime in precedenza occupato dalla “Diga”; un totale di 60 alloggi di cui 40 destinati all’edilizia residenziale pubblica e 20 all’edilizia residenziale sociale. Inoltre grazie all’inserimento del progetto di rigenerazione urbana del quartiere Diamante di Begato, presentato dall’Amministrazione Regionale, tra quelli ammessi al finanziamento del “Programma innovativo nazionale per la qualità dell’abitare” PINQuA, oltre ai 60 nuovi alloggi nasce un grande Masterplan su quasi 250.000 mq di territorio di rigenerazione che comprenderà un Parco Urbano con attività sportive, il recupero dei campetti polifunzionali esistenti, attività ricreative, aree gioco e didattiche legate alle attività e al quartiere; recupero di antiche “creuse” e percorsi nel verde; a fronte dei 170.000 mc di volume demolito, verranno realizzati circa 18.000 mc di nuova edificazione, utilizzando esclusivamente una porzione del sedime in precedenza occupato dalla “Diga”: un intervento senza consumo di suolo. Saranno realizzati spazi a servizio del quartiere per circa 500 mq, un Centro per la Cultura di circa 500 mq ed il recupero della Casetta Ambientale con nuovi spazi all’aperto; altro punto qualificante dell’intervento, in linea con le richieste del progetto partecipativo del quartiere, sarà la realizzazione della nuova piazza alberata, posta nel cuore dell’ambito di rigenerazione. L’intervento, la cui conclusione è attesa per la fine del 2025; oltre ai 7,2 milioni di Euro per la demolizione della Diga ed ai 2,2 milioni per la riqualificazione della parte non demolita, al civico 11 di via Cechov, il Programma PINQuA, prevede un finanziamento di circa 15 milioni di Euro di cui 11,3 milioni per la realizzazione delle palazzine, 1,3 milioni per il parco dell’energia e dell’ambiente, ed i restanti 2,4 milioni per opere accessorie e servizi al quartiere.  Partita nel luglio 2019 la fase 1 del progetto ha reso possibile il trasferimento di 374 nuclei familiari residenti a Begato, per un totale di 776 persone, in appartamenti rinnovati in diverse zone della città; parallelamente sono stati recuperati 630 alloggi sfitti, con un investimento di circa 17 milioni di euro complessivi, proprio per permettere la ricollocazione delle famiglie di Begato e un contestuale recupero del patrimonio di Arte. Gli inquilini sono stati rialloggiati nei diversi quartieri del Comune di Genova; in Val Polcevera è rimasto 45% degli inquilini mentre il 18% ha ricevuto un alloggio in Centro, il 17% a Ponente, il 15% in Val Bisagno, ed il 5% a Levante, raggiungendo l’obiettivo della massima integrazione nel tessuto sociale della città; nei primi mesi dell’anno 2020 è stata espletata la gara per l’affidamento dei lavori di demolizione delle “Dighe di Begato” e nel successivo mese di Luglio sono stati consegnati i lavori all’ATI tra Patriarca Group srl e F.lli Caschetto srl, dando avvio alle operazioni della fase 2.

“Sono soddisfatto ed emozionato”, dichiara Paolo Gallo, amministratore delegato Arte Genova, “e oggi la demolizione si chiude definitivamente. Ringrazio le aziende siciliane del Gruppo Caschetto e Patriarca che hanno lavorato nei tempi previsti; questo è un importante momento di riflessione e ripartenza. La fase 1 ha visto la ricollocazione di circa 400 famiglie, un’operazione svolta da Arte e dal comune di Genova ascoltando le persone ed i loro bisogni; il 45% di questi nuclei ha deciso di restare nella zona mentre gli altri si sono stabiliti altrove. Ci sarà un recupero di 55 unità di porzione della Diga esistente senza dimenticare una rigenerazione anche umana; mi piace ricordare che è stato svolto un importante servizio per la collettività”.

Parole simili da parte di Pietro Piciocchi, assessore alle politiche della casa del comune di Genova :”Sono contento di essere qui e voglio ricordare come abbiamo avuto le prime idee su questo progetto a luglio 2018; abbiamo lavorato uniti con risultati importanti e ringrazio tutte le realtà coinvolte come Asl, Arte, regione e comune dicendo che dobbiamo lavorare così anche su altri temi. Come assessore alla casa sono contento che tutto sia stato avviato prima del PNRR e sia proseguito durante la pandemia; abbiamo recuperato più di 600 alloggi in tutta la città e l’accompagnamento delle persone è stato molto attento. Ringrazio tutti coloro che hanno collaborato dicendo che la situazione attuale, per gli abitanti, è migliore rispetto al passato ed ora è presente anche la dignità dell’abitare”.

“Finalmente siamo passati dalle parole ai fatti ed il sogno di dire basta alla vecchia concezione urbanistica con casermoni in periferia”, afferma l’assessore regionale all’urbanistica Marco Scajola, “e si va verso un’edilizia diversa ed alloggi diffusi. Abbiamo spostato ed ascoltato più di 700 persone e questa zona è un modello per tutta Italia; è necessario altresì fare politiche di rigenerazione urbana per avere case di qualità. E’stato lanciato, grazie al PNRR, il programma PINQuA coinvolgendo tre progetti per tutta la regione; quello di Begato ha ricevuto 15 milioni. Il materiale prodotto dalla demolizione è stato recuperato quasi tutto e la legge sulla rigenerazione urbana ligure è un modello a livello nazionale tanto che è in commissione al Senato come esempio; ringrazio tutti i soggetti coinvolti tra cui la regione, il comune di Genova, Arte e tutti gli operai. Questa zona è figlia di costruzioni degli anni ’80 ormai superata e la nuova Liguria ha un nuovo modello di edilizia residenziale pubblica; a Begato potremo trovare alloggi di qualità, zone verdi e luoghi di aggregazione completamente riqualificati e recuperati. Il materiale frutto della demolizione sarà usato in altri cantieri ricordando anche gli alloggi recuperati che contribuiranno a rendere il quartiere sempre più vivibile”.

“Oggi inizia la vera ricostruzione del quartiere ed il progetto è una pietra miliare con risvolti sociali notevoli molto importanti per la ricollocazione”, sottolinea il sindaco di Genova Marco Bucci, “ed è fondamentale avere case di edilizia pubblica diffuse per la città. Ogni quartiere di Genova deve avere sport, negozi e servizi con un’importante visione; in questi spazi saranno costruiti tre edifici ecosostenibili senza dimenticare le zone verdi ed altri servizi. La rigenerazione è necessaria ed il Governo statale ci aiuta; abbiamo in cantiere altri progetti tra cui quelli che coinvolgono i caruggi, il Cerchio Rosso e Sampierdarena. Ringrazio tutti i lavoratori e le famiglie che hanno accettato i trasferimenti consapevoli del fatto che sarebbero andate a vivere in alloggi migliori; questo è un grande passo storico e per la prima volta si è avuta una rigenerazione di questo tipo che ha cambiato la visione di cosa devono essere i quartieri del vivere che ha in sè l’abitare, il lavoro ed il tempo libero. La riqualificazione guiderà le altre come un trend moderno e siamo arrivati in fondo a questo progetto; non abbiamo aumentato il volume di cemento sul territorio e si costruisce sul costruito in modo diverso. Ci saranno edifici ecosostenibili e questo modello sarà da ripetere; abbiamo in programma tre rigenerazioni che coinvolgono il centro storico, la zona di Sampierdarena e Sestri Ponente”.

“Sono stati portati via 30000 metri cubi di materiale ed abbiamo ridotto i volumi dell’edificazione che diventano volumi di di qualità per le persone; ringrazio il sindaco Bucci, l’assessore Piciocchi, Arte e tutti coloro che hanno lavorato qui. Migliorare la qualità dell’abitare è necessario così come aiutare chi ha bisogno ed esiste una Genova con diritti per tutti; il progetto Begato ha un valore nazionale e non ci piacciono le case popolari intese come ghetto perchè vogliamo l’integrazione delle persone. Il mercato immobiliare genovese è importante ed è necessario avere un percorso di qualità dell’abitare che renda vivibile tutta la città con un’integrazione legata ai bisogni delle persone; abbiamo fatto cosa promesso e nei prossimi anni ci sarà la riqualificazione del quartiere che riguarda tutta la città. Saranno costruiti stabili ad emissioni zero e riqualificati quelli non demoliti; Begato è un simbolo di pessima edilizia popolare ma ora è stato fatto un grande passo avanti per la qualità dell’abitare. L’amministrazione comunale ha investito tanto qui e la Valpolcevera recupera la sua vocazione dopo il declino”, conclude il presidente Giovanni Toti.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: