Attualità

Carne rossa: una buona dieta e più accortezza ci salveranno dal cancro?

E’ fuori dubbio che la recente dichiarazione dell’ OMS  (Organizzazione Mondiale della Sanità) abbia destato un enorme scalpore tra tutti noi carnivori. Secondo diversi studi infatti la carne rossa, con i suoi relativi derivati e lavorati (insaccati, affettati e via dicendo) sarebbero alimenti cancerogeni.

Parlando da consumatore, non me ne vogliate, a leggere questa notizia sui quotidiani prima e sentendone successivamente parlare ai telegiornali dopo mi sono sorti alcuni dubbi e, di conseguenza, avrei comunque tratto alcune conclusioni: l’essere umano consuma la carne ormai da millenni, quindi se fosse davvero così rischioso non vedo come siamo riusciti a sopravvivere così tanto tempo. Casomai sarà dannoso consumarne quantità elevate all’interno della propria dieta, ma in fin dei conti è un dato di fatto: la base per una buona salute sono senz’altro un’alimentazione equilibrata unita ad una sana attività fisica; il problema della quantità allora andrebbe applicato a qualsiasi cosa, la stessa acqua se ne si beve dei galloni al giorno può far male al nostro organismo, ma bisogna allora iniziare una caccia alle streghe contro l’elemento che da la vita per antonomasia?

Altra considerazione: visto che, stando a quanto si legge in rete, a causare il cancro sarebbe praticamente qualunque cosa (dopo la carne infatti pare che ora lo sia anche il caffè) ci si trova nuovamente di fronte ad un bivio: o ci procuriamo delle campane di vetro sotto le quali trascorrere la nostra “rischiosissima” esistenza, oppure prestare una più generale attenzione alle notizie che si leggono sul web ci consentirebbe di tirare qualche sospiro di sollievo; senza contare che guidare col telefono in mano per scrivere l’ennesimo post è molto più rischioso che concedersi uno sfizioso salume di quando in quando.

Un segnale d’allarme riguardo agli articoli diffusi sui vari siti potrebbe già essere la grammatica stessa dei titoli: se un articolo infatti riporta che “mangiare la carne potrebbe causare il cancro”, il tono probabilistico dovrebbe già renderci diffidenti, altrimenti allo stesso modo si dovrebbe prendere per vero che “dormire in abito da sera potrebbe essere scomodo”.

A farne le spese di questo allarmismo galoppante sono infatti i commercianti del settore (macellai, salumieri e rivenditori), che con l’ennesimo “al lupo al lupo” riguardo a ciò che può causare i tumori vedono una riduzione, fortunatamente ancora relativamente piccola, dei loro affari. Sarò all’antica, ma più che la fettina di carne che mangerò per cena mi preoccupano il tabacco, l’amianto, le radiazioni e tutta la gamma di fattori a cui siamo esposti ogni giorno. Resto quindi convinto che una fetta di prosciutto non sigli il mio epitaffio ma in caso mi sbagliassi, dopo “Le ultime lettere di Jacopo Ortis” chissà che un domani non si legga delle “Ultime braciole di Michele Alluigi”.

Michele Alluigi

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: