Please assign a menu to the primary menu location under menu

POLITICA

Dal “gran caos” Pd ora spunta anche Cuperlo

A volte tornano! E’ proprio il caso di dirlo.L’ex presidente del Partito Democratico ci riprova (e cercheremo di capire il perchè) dopo la pesante sconfitta del 2013: “Mi candido con umiltà e nella chiarezza delle idee” ha proclamato dopo i tanti tentennamenti. C’è chi prevede che si giocherà l’ultimo posto con la De Micheli. Insomma tra una fake news sul governo e un silenzio imbarazzato e imbarazzante sul Qatargate, in casa Pd non si fa altro che parlare di elezioni primarie. Da un certo punto di vista è anche logico: dopo il tracollo senza precedenti alle elezioni del 25 settembre (una tendenza che continua inesorabilmente), è più che comprensibile tentare l’ennesimo restyling. Da Zingaretti a Letta, la musica non è certo cambiata, anzi. Ora il popolo dem non aspetta altro che le sue primarie (parliamo dei soli aventi diritto): è già partito il testa a testa tra Stefano Bonaccini e la nuova paladina della sinistra Elly Schlein. In lizza anche Paola De Micheli, anche se i sondaggi la vedono attorno a percentuali piuttosto modeste. Ma non è finita qui: dopo aver preso del tempo, dopo riflessioni su riflessioni, al termine di un’accurata analisi costi-benefici Gianni Cuperlo ha deciso di scendere in campo e di candidarsi alla segreteria democratica, poiché a dir suo la scelta è stata dettata dall’imminente rischio che in discussione sia l’esistenza stessa del Pd. Negli ultimi tempi si era parlato molto del suo possibile ritorno in campo. Inizialmente è stato accostato al ruolo di primo sostenitore della De Micheli (il quale ci poteva stare), poi alla corsa al dopo-Letta. E l’ex presidente ribadendo a più riprese (rigorosamente in occasioni pubbliche) il suo stallo declamava l’imminente scioglimento dell’arcano. Poi, la fumata bianca ed ecco la pioggia di interviste, a partire da Repubblica: “Con umiltà ci sarò perché in discussione questa volta è l’esistenza del Pd. Non pesano solo la sconfitta e i sondaggi al minimo storico, ma il non aver mai voluto discutere la perdita dei sei milioni di voti dal 2008 a oggi. Vorrei aiutare a farlo nella chiarezza delle idee, fuori dai trasformismi che hanno impoverito l’anima della sinistra”. Poi ecco l’Huffington Post, con tono più filosofico e meditativo :”C’è il rischio di una deriva greca o francese del Pd, devo farlo anche se la ragione me lo sconsiglia. Ci ho riflettuto, so benissimo che ci sono due candidature favorite, ma è un congresso talmente importante che nella prima fase, quella dove a votare saranno gli iscritti, chi ha delle idee sul dopo credo abbia persino il dovere di esporle e discuterle”. Il mondo Pd invoca nuove idee – o anche solo qualcosa che non sia la denigrazione dell’avversario – e soprattutto facce fresche. Cuperlo non fa assolutamente parte di quest’ultima categoria, ma ha dalla sua l’esperienza (è infatti in campo da trent’anni tra DS, PDS, PCI e Pd )e anche una certa abitudine-attitudine alle primarie. Deputato fino al 2018, il politico triestino tentò la scalata al vertice già nel 2013: contando sull’appoggio di diversi pezzi dem, provò a perfino a dare filo da torcere a Matteo Renzi, al tempo sindaco di Firenze. Risultato? Renzi stravinse con il 67,55% dei voti; Cuperlo raggiunse a malapena il 18. Ancora peggio Pippo Civati, al 14,24%. Una debacle impressionante.
Nonostante l’annuncio in grande stile e un’attesa degna delle migliori star di Hollywood, per Cuperlo la strada sarà particolarmente in salita. Molto, molto difficilmente riuscirà a impensierire il tandem Bonaccini-Schlein, destinato al testa a testa. Più verosimile il confronto con la De Micheli per evitare il cucchiaio di legno. Certo che avrebbe fatto meglio ad appoggiarla come pareva volesse in prima battuta.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: