Attualità

Covid: appelli dalla Regione sulla quarantena ma la Svizzera non ritorna sulle sue decisioni

La decisione del Governo svizzero di assegnare ad una quarantena di quattordici giorni, a partire dal 28 settembre, chi abbia trascorso  un periodo anche di sole ventiquattro ore in Liguria, come già ieri abbiamo riferito,  è  considerata, dall’Amministrazione Regionale, dai Comuni, dall’Associazione Albergatori, una vera e propria batosta all’economia turistica  locale proprio quando si cerca di attuare la famosa “destagionalizzazione”.  La presenza dell’apporto svizzero, specie degli appassionati dello sport outdoor, è considerata fondamentale per la tarda stagione turistica, ancor più nel periodo attuale, quando la situazione Covid incerta di Croazia, Francia e Spagna, aveva dirottato da noi, e specialmente nel savonese, la meta di vacanza di  molti turisti svizzeri.

Ora, per la Confederazione Elvetica, che mette in zona rossa uno stato od una regione dove si superino i 60 casi di contagio ogni 100 mila abitanti, siamo finiti nella lista delle zone a maggiore rischio: una esagerazione, a rigore di logica, ma le misure anti-Covid sono forse tutte improntate all’esagerazione, anche le nostre, in mancanza di cure certe, di vaccino, per l’allarme sui ricoveri che potrebbero essere necessari, per le  potenzialità di diffusione del virus ed anche noi mandiamo la gente in quarantena! L’estate in Liguria è stata in fin dei conti tranquilla, solo nelle ultime settimane sembra che il Covid-19 dia segni di recrudescenza; ma se pensiamo alle città d’arte, affollate in genere da maggio a settembre di turisti stranieri e comunque visitate tutto l’anno, molti arrivi dall’estero si sono quest’anno eclissati e, nello scorso mese di agosto, si calcolavano in 34 milioni, le presenze – ovvero i pernottamenti – perse da Roma, Venezia, Firenze, Torino e Milano! A noi, tutto sommato, è andata quasi bene!

Siamo tutti preoccupati perchè avevamo visto che, dopo i problemi con Spagna, Francia e Croazia molti turisti svizzeri si erano concentrati nel savonese, quindi avevamo un buon movimento tra fine settembre e i primi dieci giorni di ottobre. La notizia del provvedimento assunto dall’ufficio della Sanità federale ha fatto sì che chi era già qui nel fine settimana sia tornato a casa in anticipo e chi aveva prenotato abbia cominciato a disdire.” Così si è espresso  Angelo Berlangieri, presidente dell’Unione Provinciale Albergatori, che sottolinea  come l’associazione abbia chiesto immediatamente aiuto alla Regione ed ai Ministeri; ieri, anche l’ambasciatore italiano a Berna  si è mosso e, riferisce lo stesso Berlangieri: “…ha consegnato al ministro della Sanità elvetica una nota, col sostegno del Governo italiano, dove si chiede che venga rivista l’ordinanza e la si riduca al solo spezzino. Più di così non possiamo fare. La speranza è che le autorità svizzere non siano così inflessibili e ragionino sui documenti inviati dalla Regione“. Ma per il sistema di controlli svizzero, attuare ulteriori distinzioni all’interno delle regioni, già a sè considerate, è improponibile, poichè verrebbe stilata una lista complicata e impraticabile, impossibile da gestire e rispettare.

Andrà nel vuoto, quindi, rimanendo valido solo come difesa del rilancio turistico, da Finale, il richiamo del sindaco Ugo Frascherelli e del presidente dell’Unione Albergatori locale, Andrea Olivieri, che così si erano espressi:

Ci sembra doveroso, nel nostro piccolo, lanciare un appello al Governo di Berna affinché riveda le valutazioni circa la quarantena al rientro in Svizzera dei turisti che hanno soggiornato in Liguria. Altrimenti si assesta un importante colpo alla nostra economia. Riteniamo questa decisione a dir poco ingiusta, in quanto è approssimativo considerare come uno stesso territorio la riviera di levante e quella di ponente, dove la situazione è assolutamente sicura. Ingiusta anche sotto il punto degli sforzi fatti per garantire ai nostri ospiti un soggiorno sicuro in questi mesi. Parlare di Liguria unitariamente ha poco senso in questo caso, ci sentiamo ingiustamente discriminati. Per di più ora che abbiamo un’economia che è riuscita, non senza sforzi, a destagionalizzarsi per poter vivere di turismo oltre la stagione estiva“.

 

Immagine da “La voce del Tigullio”

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: