Please assign a menu to the primary menu location under menu

Dal Pensiero alla Penna

E’ tempo di respiri profondi

In cuore abbiamo tutti un cavaliere pieno di coraggio, pronto a rimettersi sempre in viaggio. Gianni Rodari

 

 

Il tempo si dilata e rende l’ultimo pensiero notturno, quello prima del sonno ristoratore, un po’ un intreccio ed un riassunto del quotidiano, una ninna nanna silenziosa che accompagna quelle ore di riposo.

Fin da piccola ad accompagnarmi nei miei sogni, come se ci dovesse essere per forza un equilibrio tra il mondo dell’immaginario e la reale realtà, compariva quasi in punta di piedi, un amico, un amuleto dalle sfumature delicate e dai significati diversi a seconda del popolo indiano di provenienza.

La leggenda collocata al centro delle mie tradizioni infantili abbracciava ed abbraccia una consuetudine legata ai sogni brutti od a quelli positivi.

Simbolo di usanze indiane legato alle tribù Ojibway, Cheyenne e Lakota, il dreamcatcher ovvero acchiappasogni veniva collocato sopra la culla del nuovo nato. Oggetto di forma circolare intrecciato, duttile, rappresentava il cerchio della vita e l’universo con all’interno una rete di perline simile ad una ragnatela. Al centro un foro che permetteva il passaggio delle energie positive mentre le negative rimanevano intrappolate e trattenute dalla rete per poi svanire con le prime luci del mattino. Pendenti di piume d’uccello rappresentavano il vento.

Gli indiani conservano il loro acchiappasogni tutta la vita perché secondo la loro tradizione il potere di proteggere accresce con il passare degli anni insieme alla capacità di realizzare i propri sogni.

Ed è così che pensavo di essere una bambina coraggiosa perché servendomi di un fedele amico non avevo paura del buio e mi ritenevo impavida e capace di affrontare infinite paure: l’oscurità, il temporale ed altro ancora.

Nella mia visione adulta associo il coraggio ad un’altra parola evocativa che è cuore.

Agire con il cuore, avere cuore ed avere forza e quella determinazione propria delle azioni legate a ciò in cui crediamo veramente. Partiamo dai sogni, dalle aspettative per arrivare a comprendere quale è il vero coraggio: la forza che non ci abbandona mai e non fa mai perdere, veramente, la voglia di sorridere, ancora e sempre.

E quindi cuore contro ogni evidenza e logica, contro ogni razionalità. Cuore e coraggio: binomio imprescindibile.

 

 

2 commenti

  • Innanzitutto complimenti Anto perché anche questo tuo scritto è semplice ma profondo al tempo stesso ! Anch’io sono d’accordo con te sul binomio coraggio e cuore al quale io aggiungo fede… per vivere al meglio TUTTO… il bello e il meno bello della vita ! ❤️

  • BelliSsimo articolo. Ogni qualvolta mi accinga a leggere un tuo articolo, rimango affascinata dalla peculiarità della tematica trattata. E sorrido, pensando ad una te bambina: un rituale, se vogliamo, che prevedeva la notte del quale non ero a conoscenza. Grazie Anto!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: