Please assign a menu to the primary menu location under menu

REGIONE

Genova celebra la Festa della Liberazione

Grande afflusso di cittadini per la Festa della Liberazione a Genova; durante la celebrazione è stato letto il messaggio di resa dei nazisti al Cln di Genova, firmato il 25 aprile 1945 dal generale Meinhold a Villa Migone.

“Festeggiamo questa giornata tutti uniti con la voglia di pace”, dichiara il sindaco di Genova Marco Bucci, “e onoriamo i partigiani morti per noi senza dimenticare i 2200 deportati genovesi, tutti coloro che hanno lavorato nelle fabbriche qui e in Germania e chi ha sabotato le armi nelle industrie belliche. Ringrazio tutti coloro che ci hanno dato la libertà ed i valori di democrazia, importanti per tutta Genova; questi valori non devono essere discussi ma portati in piazza in una festa che coinvolge tutta la città. Si lavora per la libertà facendo vedere cosa facciamo trasmettendo i valori di democrazia ed uguaglianza per tutti; mi piace vedere molta gente in piazza ed è fondamentale ricordare chi è morto per la nostra libertà. I fischi sono inaccettabili ed occorre rispettare tutti i presenti”.

Parole simili da parte del governatore Giovanni Toti :”Auguro a tutti una buona festa della liberazione dicendo che si festeggia un giorno che permette di fischiare; è bello essere qui dopo due anni e ringrazio tutti i sanitari che con i loro sacrifici ci hanno permesso di tornare ad una vita quasi normale. Oggi celebriamo la pace di chi combatte per la nostra libertà ed è morto ed il Presidente della Repubblica ha reso omaggio al Milite Ignoto; se oggi possiamo celebrare questa festa lo dobbiamo ai partigiani e chi fischia non capisce il senso di questa giornata. In questa piazza devono starci le idee di chi ha pensieri diversi perchè i nostri genitori e nonni sono morti per questo; chi fischia ripercorre la volontà fascista e la pace deve essere conquistata a testa alta”.

“Io sono genovese di adozione ma amo molto questa città e sono onorato di essere qui a celebrare questa ricorrenza; nel 2009 si è ricordata la Medaglia d’Oro al Valor Civile e gli Alleati sono entrati in una città che funzionava mentre oggi si celebra, tra le altre cose, il buon lavoro della ricostruzione del Ponte San Giorgio. La pandemia ha avuto conseguenze drammatiche su aziende e famiglie e le disuguaglianze si sono accentuate; l’Europa ha solidarietà concreta con il PNRR ed è fondamentale ricordare l’aggressione all’Ucraina che ha portato con sè un’importante crisi economica e geopolitica. La nostra Repubblica è nata dalla Resistenza e vi è pari dignità sociale e solidarietà ma serve un Paese più giusto e moderno; sono state troppe le violazioni della dignità e quest’ultima, insieme alla solidarietà, è fondamentale. La Costituzione parla di diritti inviolabili e doveri inderogabili e l’articolo 11 dice che l’Italia ripudia la guerra; il rifiuto del conflitto e del commercio di armi è importante e l’Ucraina è una sorta di banco di prova per la solidarietà europea. La lezione della Resistenza è attuale a causa della pandemia e della guerra ed ognuno deve fare le scelte giuste”, conclude il presidente emerito della Corte Costituzionale Giovanni Maria Flick.

.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: