Please assign a menu to the primary menu location under menu

CULTURA

L’ ultimo rigore

Dicono che quando si affronta e poi si supera un grave problema sia cosa buona e giusta raccontarlo agli altri, a quelli che oggi sono magari al primo gradino di una scala che sembra impossibile scalare. Credo, per chi ha vissuto una brutta tempesta, sia doveroso affermare che poi, forse non sempre, si approda in un porto sicuro, al riparo delle onde e dei venti. Sono stati, da maggio a questa mattina, giorni, settimane, mesi difficili, che chi scrive ha scelto di vivere senza comunicare agli altri, anche agli amici più stretti, stringendosi soprattutto a chi soltanto fisicamente non c’è  più.  Mi sono stati di grande aiuto le passioni della mia vita, lo sport ed in particolare calcio e ciclismo, le letture ed il bel cinema. Mi hanno aiutato a superare i giorni più duri, dove le terapie mordono il corpo di dolore, facendomi pensare che io le Olimpiadi di Parigi le voglio vedere come i Mondiali del 2026 così come vedere un giorno di maggio la Fiorentina qualificata per la Champions. Ho sempre creduto di farcela, fin dal primo giorno quando ho scoperto il problema. Poi certo non volendo far sapere, devi, anche verso il direttore di questo sito, trovare scuse, come la visita di parenti lontani o un mal di schiena che ti costringe a letto. A chi passerà attraverso questo percorso sappia che i giorni più brutti sono quelli dove attendi l’esito finale, sapendo che il verdetto sarà inappellabile. Fino a questa mattina ho pensato, riparandomi nelle metafore calcistiche, che sarei stato io a tirare l’ultimo rigore. L’ho calciato e tirato dentro, dopo aver ricevuto la bella notizia. Ora tutto è  alle spalle, anche se a ritrovare la tranquillità psicologica ci vorrà qualche settimana. A chi legge queste righe vivendo un grande problema vada tutto il mio sostegno. Sapendo che anche per voi l’ultimo rigore finirà dentro la rete

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: