Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀ

La 22enne genovese Camilla Pizzorno ha vinto il Campionato del pesto 2022

Una vera sfida a colpi di pestello da cui solamente una è uscita vincitrice. A trionfare sabato 4 giugno nell’edizione 2022 del Campionato Mondiale di Pesto al Mortaio è Camilla Pizzorno, la più giovane concorrente della rush finale, che ha convinto il palato di ben trenta giudici esperti con la sua salsa al pesto alla genovese. La talentuosa studentessa genovese di Pegli, 22 anni, ha avuto la meglio sui 9 concorrenti in gara con lei nella fase finale del torneo, tutti italiani. Era la più giovane in assoluto fra i partecipanti. Una tradizione di famiglia, tanto che il padre aveva già partecipato ad altre edizioni del campionato arrivando due volte secondo. Lei lo ha superato: “Adesso il pesto a casa lo farò solo io – ha detto al termine della premiazione -. Qual è il segreto del mio pesto? I segreti non vanno mai rivelati”. Dopo 3 anni il campionato mondiale del pesto genovese è tornato finalmente in presenza con la sua nona edizione. Dalla studentessa genovese di 22 anni alla nonna di 80 fino al concorrente in arrivo dal Giappone, sono stati 100 finalisti che si sono sfidati. Oltre che dalla Liguria i concorrenti arrivano da 11 regioni: Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta, Lazio, veneto, Emilia Romagna, Toscana, Campania, Sardegna, Sicilia e Umbria ma almeno 14 arrivavano dal resto del mondo come Cambogia, Camerun, Francia, Germania, Giappone, Guinea, Inghilterra, Lussemburgo, Messico, Moldavia, Olanda, Spagna è Stati Uniti (69% uomini e per il restante donne con un’età media di 52 anni). La gara ha preso il via verso le 11,30 dopo il saluto delle autorità: dopo la riunione della giuria la premiazione del concorrente giunto da più lontano e la decisione rispetto i dieci finalisti per l’ultima sfida.Tante sono state le novità quest’anno con il ritorno a palazzo Ducale, tra la presenza del robot twin dell’IIT che ha imitato i campioni di pesto preparando anch’esso la storica salsa genovese ma anche l’incontro con la Sinu per scoprire le proprietà del pesto, ormai modello di sostenibilità e di moderna cultura alimentare. Oltre a nuovi eventi, però, è tornato quello che ormai da nove edizioni è il campionato mondiale del pesto genovese al mortaio con la rappresentazione di tutte le professioni: artigiani, impiegati, operai, autisti, coltivatori, manager, imprenditori, professori, studenti e anche un carabiniere, sommozzatori e un giovane che di mestiere fa il chemiometra. “Il pesto è la salsa più conosciuta al mondo dopo quella al pomodoro, quindi non possiamo parlare di un semplice condimento ma di una bandiera non solo della Liguria ma del nostro Paese, perché all’interno dello scrigno del mortaio c’è il profumo e il sapore della nostra terra, la sapienza e la tradizione italiana”. Questo il commento del presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, che ha aggiunto: “Torniamo in presenza dopo anni segnati dalla pandemia e il fatto di esserci ritrovati a Palazzo Ducale per celebrare il nostro basilico è una grande vittoria. Qui oggi ci riappropriamo delle tradizioni culinarie della Liguria, celebrando un’eccellenza dell’ agroalimentare che rende speciale la nostra terra, a tratti aspra e difficile da lavorare ma per questo ancor più affascinante”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: