Please assign a menu to the primary menu location under menu

Il punto di BrunoITALIAPOLITICA

La pulzella Giorgia Meloni al gran ballo della debuttante

Dopo quasi un mese dalle Elezioni politiche del 25 settembre, che hanno sancito la maggioranza elettorale dei votanti (ma non degli italiani) allo schieramento di Centrodestra, il Paese ha un nuovo Governo diretto da una Donna, al debutto come Presidente del Consiglio. In verità, dopo i risultati del voto, nessuno poteva mai immaginare un parto così complicato, travagliato e doloroso e gravido di improvvisi subitanei colpi di scena.
Lo spettacolo dato al Paese reale, non è davvero stato di qualità eccelsa e, per lunghi tratti, è apparso persino comico, se non fosse stato per la tragedia della guerra, della crisi energetica, delle sofferenze dei due terzi degli italiani, della inflazione e del carovita che taglieggiano redditi, salari e pensioni e per l’aumento delle diseguaglianze che ne derivano. Le fasi che hanno scandito l’avvio della legislatura, la elezione delle Presidenze di Senato e Camera e le trattative per la formazione del Governo, si sono delineate, a volte e spesso, come surreali con continui, improvvisi e sorprendenti “coup de théâtre”! La vicenda politica italiana ha consumato uno scontro di potere e di personalità tra il fondatore del Centrodestra, lo Zar di Arcore, il vecchio istrione Berlusconi in declino politico, umano e fisico e la nuova leadership della giovane Meloni. Uno scontro di egemonie che assomigliava più ad un classico feuilleton francese e fors’anche al nostrano Grande Fratello, che a una salutare dialettica politica. Siamo stati, a nostra insaputa, dentro una commedia all’italiana di Dino Risi, ai cosiddetti “Mostri” di questo inizio di legislatura, a Leader che sembravano Ugo Tognazzi e Vittorio Gassman: e mentre si doveva formare il governo del Paese questi giocavano a guardie e ladri. Ma tant’è! E, per dirla tutta, neppure le cosiddette quattro opposizioni denotano una buona salute perché divise, umiliate e incapaci di fare massa critica….mentre già sono emersi i vizi italici dei franchi tiratori alla rovescia pronti al soccorso giallorosso per ogni evenienza. È evidente e disdicevole lo “scambio” tra le poltrone spettanti alle minoranze. Su 12 incarichi, il M5S ne ha presi ben 7, il PD 5 e nessuno è stato concesso al cosiddetto Terzo Polo, alle Autonomie e alla Sinistra verde e sociale. Con siffatti risultati consumati nel segreto dell’urna, ognuno può giudicare dove erano annidati i 19 novelli Giuda andati in soccorso alla elezione del nuovo Presidente del Senato Ignazio Benito Maria La Russa! Ora il tempo delle chiacchiere è finito e il Paese attende misure e provvedimenti all’altezza della inedita crisi. Intanto, all’ultima curva, il Premier in uscita Mario Draghi, è riuscito nel miracolo di far accettare all’Europa, le misure del Tetto Europeo al Prezzo del Gas, degli acquisti comuni e dello sdoppiamento del costo dell’energia dal costo univoco del Gas….gridando, nella ultima notte utile del consesso europeo, i rischi per la recessione in arrivo e per lo stesso futuro dell’Europa Unita. Altrettanto significativa è la misura che istituisce un fondo di solidarietà da 40 miliardi per aiutare le famiglie in difficoltà visti gli aumenti esponenziali del prezzo della energia. Il consuntivo è che il pacchetto approvato alla UE accoglie quasi tutte le richieste dell’Italia. Mario Draghi ha così concluso il suo mandato ridando dignità e prestigio al ruolo dell’Italia nel Mondo. Whatever it takes! Tutto ciò che serve costi ciò che costi! Anche stavolta, Mario Draghi chiude con un successo la sua bella parentesi politica, riporta in auge il principio della sua Agenda (non è altro che il valore della Responsabilità Politica) e, riconsegna l’Italia alle Forze politiche, al nuovo Parlamento e alla sua normalità dialettica tra maggioranza uscita vittoriosa alle Elezioni e minoranze delle opposizioni sconfitte. Resta da vedere se e quando l’Italia, non si troverà nelle condizioni di dovere ricorrere al nuovo soccorso di Draghi o di un Draghi, per riparare i danni dei venditori di miracoli e dei tanti urlatori alla Vanna Marchi. Tutto ciò premesso, è pur vero che si è ufficialmente aperta la nuova stagione della Destra conservatrice al Governo del Paese, con pochi germogli di moderatismo (paradigmatica l’eclissi di Maurizio Lupi dal Governo e, in particolare, nel suo ruolo annunciato di Ministro per i rapporti con il Parlamento). Il Paese (o La Nazione, come va di gran moda oggi) è quasi allo stremo ed occorrerà passare dalle parole ai fatti. Terminato il gioco a incastri dei ministeri tra Fratelli d’Italia, Lega e Forza Italia, il nuovo governo guidato da Giorgia Meloni, avrà di fronte un impegno tanto certo quanto arduo: trovare gli strumenti per attenuare l’impennata dei prezzi su famiglie, imprese ed enti locali, senza far esplodere il debito che, altrimenti, ci porterebbe dritti ai gironi dell’inferno di Dante. I primi quattro impegni “strutturali” sono da un lato la manovra economica con la Legge di Bilancio 2023 e, dall’altro, la attuazione delle scadenze di realizzazione delle misure previste dal PNRR entro il 31 dicembre 2022. La terza sfida è mettere in sicurezza il Sistema delle Imprese e, l’ultima, stringere sulle concrete misure per alleviare il disagio e la povertà di milioni di famiglie, anche della cosiddetta classe media. La manovra è da fare bene e in fretta, se si vuole evitare la sciagura dell’esercizio provvisorio e l’amministrazione controllata! La manovra macroeconomica andrà fatta in fretta; una legge di bilancio in cui venga rivisto il percorso del deficit per il 2023. Il nuovo ministro dell’Economia, il leghista Giancarlo Giorgetti, avrà due o tre settimane di tempo al massimo per concordare con l’Ue un nuovo obiettivo di disavanzo che apra degli spazi di manovra a una legge di bilancio che altrimenti sarebbe impossibile da scrivere. Cosa ci sarà nel pacco di Natale? Gli aiuti sul caro energia dovranno essere prorogati e forse anche estesi: il rinnovo dei crediti d’imposta, alle quotazioni attuali, costa circa 14 miliardi; il taglio delle accise sulla benzina ha bisogno di 3,3 miliardi; 5 miliardi servono per estendere l’Iva al 5% su gas e per l’abbattimento degli oneri di sistema sulle bollette. Non solo. C’è da rinnovare pure il taglio al cuneo fiscale che scade a fine anno: altri 4 miliardi. Dilemma pensioni A fine anno scade quota 102, poi si tornerebbe alla Fornero. Meloni starebbe studiando la cosiddetta “Opzione uomo”, la pensione anticipata a 58-59 anni con 35 di contributi e ricalcolo dell’assegno tutto contributivo, con un taglio fino al 30%. Ma dovrà vedersela con quota 41 chiesta dalla Lega e dai sindacati, che però costerebbe di più.
Resta il nodo del Reddito di Cittadinanza con il suo carico da oltre 9 miliardi. E infine c’è la priorità delle priorità rappresentata dal Lavoro e dalla Occupazione. Si dice che verranno messi a punto tastiere di interventi che dovrebbero prevedere forti incentivi fiscali, fino alla decontribuzione totale, verso le imprese che aumentano l’occupazione. La ricreazione è finita ed è tempo di passare dalle promesse ai fatti. Mi verrebbe da concludere mutuando il suo antico adagio “ È finita la pacchia!” Signora Giorgia, soprattutto per Lei!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: