Attualità

LOMBEZZI E D’ARIENZO….INCOMPATIBILI?

di Giorgio Siri

E’ terminata domenica scorsa un’interessante esposizione tenutasi alla Sala Nervi del Palazzo della Provincia, dall’accattivante titolo “Incompatibili”, di cui sono stati protagonisti Mimmo Lombezzi e Franca D’Arienzo.
Improntata alla fantasia, alla creatività, all’estro, l’accoppiata dei due artisti non è incompatibile!

Lombezzi, giornalista, reporter, vignettista, pittore e scultore per un hobby irresistibile, ha esposto fra gennaio e febbraio al Circolo degli Artisti, Pozzo Garitta, di Albisola Marina.

Avevamo ripreso l’evento, di cui il segno distintivo era l’evocazione di figure mostruose, in parte ispirate a fantasia, in parte a reminiscenze paleontologiche od a lontananze geografiche e mentali!

Nella rassegna della Sala Nervi ci sembra invece avesse la prevalenza il vignettista spiritoso, il disegnatore abile, dal tratto pittorico. La serie delle “riunioni di condominio”, nelle immagini della quale i partecipanti sono visti dall’autore sotto forma di pennuti comicamente sussiegosi e alteri, che ricordano la passione di Lombezzi per la raffigurazione di animali fantastici e la sua maestria nel saperne rendere le sembianze. In queste espressioni si incontrano il fumetto e la grande tradizione pittorica e citerei, come parallelo interessante, un lavoro di Gabriel von Max (1840-1915), conservato alla Nuova Pinacoteca di Monaco di Baviera, ovvero “Les singes comme critiques d’Art” , “Le scimmie critici d’arte”; pur nella diversità della tecnica usata , un simile senso dell’umorismo, un simile ironico antropomorfismo, una simile efficacia, avvicinano il modo di vedere e di comunicare di entrambe le espressioni!

Ma Lombezzi è figura nota, anche e soprattutto come giornalista e reporter.

L’”outsider” della rassegna, per quanto si sia già fatta conoscere nell’ambiente artistico, specie della ceramica, ed abbia già partecipato a parecchie mostre, è stata Franca D’Arienzo, che ha proposto due serie illustrative per due celebri racconti: “Alì Babà e i quaranta ladroni” e “Cappuccetto rosso”.

Anche Franca D’Arienzo, funzionaria delle Poste, si dedica alla pittura ed alla ceramica per un hobby irresistibile, per una passione profonda, per una vera vocazione d’artista. Franca è versata, pare, nella rappresentazione fiabesca, nella visione fantastica, nell’ebbrezza dell’immaginazione, ed è per tale motivo che si trova a suo agio con personaggi e situazioni di racconti di fiabe. Ma, per quanto l’autrice abbia tenuto laboratori ad uso delle scuole e di giovanissimi coinvolti dall’arte, il suo messaggio non deve essere ristretto all’ambito dell’illustrazione della narrativa per l’infanzia, affatto; nella ridda fantasmagorica dei suoi personaggi, nel suo bestiario coinvolgente, tenero ed incisivo ad un tempo, turbinante in situazioni spaziali congestionate e vivaci, che ricordano, a volte, caratteristiche dei “cartoni animati”, è presente un richiamo ad Emmanuele Luzzati o a Paolo Fresu, apparendo una contiguità significativa specie con il primo. Ma nell’atmosfera magica, incantata, onirica a volte, delle sue scene, perché non scorgervi anche qualcosa che abbiamo notato nei lavori di Henri Rousseau il “Doganiere”, oppure nelle fantasie del primo Kandinski, oppure in talune opere del genere “naif”! Non mancano accenni a figure esotiche e lontane e, se nell’esposizione alla Sala Nervi sono indotte dall’ambientazione orientale che la fiaba di “Alì Babà” richiede, pure in altri momenti e contesti emergono animali e personaggi di terre lontane; magari poi,tali figure vengono utilizzate, come collage, per crearne delle altre, al modo tutto particolare dell’autrice. Questo universo sorprendente e colorato sta a significare come Franca sappia captare dalla realtà il lato magico, vada alla ricerca di tutto ciò che costituisce l’aspetto incantato e fantastico del mondo, sia capace di guardarlo, seppur rappresentandolo con la mano abile dell’artista, con lo sguardo estasiato del “fanciullino” pascoliano!

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: