Attualità

Pagare il pedaggio autostradale dopo lunghe code ed ore perse è un furto legalizzato che deve finire.

Code lunghissime, magari anche di oltre un’ora! Arrivare al casello e pagare il pedaggio! È un’assurdità che io paragono ad un furto legalizzato alle spalle degli utenti dell’autostrada e degli automobilisti che, Italia, lo
vediamo tutti, sono diventati vacche da mungere! Appare evidente che un automobilista prende l’autostrada per risparmiare del tempo, avere maggior sicurezza, e tenere una velocità che – pur nei limiti di legge – è ben superiore a quella che si può’ fare sulle strade statali. Orbene, quando lo stesso automobilista è costretto, per motivi che possono essere causati da incidenti o da lavori in corso, a rallentare, fermarsi e perdere mezz’ora, un’ora o anche di più, non dovrebbe essere soggetto al pagamento del pedaggio autostradale che, invece, viene sempre rigorosamente richiesto. In pratica alla richiesta di un servizio, viene corrisposto un servizio pessimo del quale si richiede il pagamento. Cosa illogica che sa di vera e propria presa-in-giro e che, oggi, non è più assolutamente accettabile. Dal momento che le autostrade (che in compenso ci danno la poca sicurezza che è sotto gli occhi di tutti), se ne guardano bene dall’esimere gli automobilisti da pagamento del pedaggio. Dovrebbe essere il governo ad imporre il non-pagamento qualora il “disservizio” dato all’automobilista sia grave: ritardi che vanno ad incidere sul lavoro di quanti viaggiano e che utilizzano l’autostrada nella volontà di viaggiare meglio e più veloci. E dal momento che “il tempo è denaro”, perlomeno, si abbia il pudore di non fare pagare il biglietto per un servizio che, in pratica, non è stato erogato. In Italia siamo capaci di lamentarci sempre, ma, alla fine, paghiamo tutti come e meglio delle banche! Cosa dice e cosa ci sta a fare “l’Unione Consumatori”? Non solo anche gli automobilisti dei consumatori??

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: