Please assign a menu to the primary menu location under menu

POLITICA

Per le Politiche 2022, Toti in visita a Savona: “Il centrodestra oltre a vincere, deve avere un programma serio e concreto”

In contemporanea con la parata di Savona for Life, il governatore della Liguria Giovanni Toti ha rinforzato con la sua presenza la campagna savonese con un rinfresco pomeridiano che si è svolto in corso Italia presso il Bar Sali e Tabacchi alla presenza di numerose autorità del mondo politico tra cui Scajola, Vaccarezza e Schirru.Sul rimpasto di giunta: “Formeremo una giunta che sa continuare l’ottimo lavoro fatto fino ad adesso.Le elezioni si vincono quando gli italiani si esprimono, mi auguro che la coalizione di centrodestra abbia i numeri per formare un governo e che abbia le capacità di valorizzare ogni sua esperienza per dare l’Italia a un governo che dovrà affrontare scelte non facili e complesse. Da questo punto di vista il risultato deve essere doppio: vincere e avere i numeri in parlamento con un programma di governo serio e concreto, dopo 5 anni in cui la politica ha inseguito piazze, velletarietà e cose inattuabili”. Lo ha detto Giovanni Toti, presidente di Regione Liguria e leader di Italia al Centro, partito che si presenterà alle politiche del 25 settembre in Noi Moderati. A livello nazionale i giochi sembrano fatti, ma a livello regionale la partita è da scrivere: “Speriamo che Noi Moderati – prosegue Toti – dia un contributo oltre che in termine numerico anche in termini di serietà. A livello ligure raccoglie l’eredità di liste regionali come Lista Toti e del mondo civico”. La Liguria avrà bisogno di sviluppare le infrastrutture: “Chiederò di sbloccare la Gronda, la ferrovia di ponente, i lavori che servono in porto sia a Savona che a Vado da completare con la diga. Poi è necessario recuperare Funivie, utile alla reindustrializzazione dell’area di Cairo”. “Noi non siamo per bloccare niente – ha puntualizzato -, siamo l’Italia del Sì, la ricchezza prima va prodotta e poi distribuita ai cittadini. Vogliamo una logistica efficace e meno costosa, vogliamo un turismo che può essere la prima impresa d’Italia, dal punto di vista delle regole e del sostegno. Il paese è stato messo da Draghi nella strada giusta e si può continuare a percorrere”.
Sul rimpasto di giunta, inevitabile dopo il risultato del voto di fine settembre: “La giunta regionale inserirà dove si aprono spazi le migliori personalità che i partiti possono proporre al presidente della giunta e li valuteremo insieme. Costruiremo una giunta che sa continuare l’ottimo lavoro fatto fino ad adesso, con gli equilibri e il programma politico che abbiamo presentato agli elettori nel 2020″, ha concluso Toti.Da un punto di vista politico la collocazione di Toti è vicina al centrodestra, e in regione governa con Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia, partiti che nelle ultime ore ha però criticato con forza per non aver votato la fiducia a Draghi. In una recente intervista a La Stampa Toti ha detto di provare «imbarazzo» per la decisione degli «alleati che hanno deciso di sfiduciare il premier italiano più apprezzato al mondo. Riguardo il futuro di Italia al Centro, ha detto: «Vediamo cosa fanno tutti gli altri, come si muovono. Da soli contiamo relativamente. Di certo per noi la stella polare è l’agenda Draghi. Partiamo dal programma, dai progetti, e dialoghiamo. Di certo non andremo a promettere scostamenti di bilancio con questo debito pubblico o passi indietro sulla collocazione europea e atlantista del paese»

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: