Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀREGIONE

Pnrr, firmato un accordo tra Regione Liguria e sindacati confederati per la creazione di tavoli di confronto

Un percorso di confronto tra Regione Liguria e sindacati per accompagnare gli investimenti sul territorio legati al Pnrr e al piano nazionale per gli investimenti complementari, approvato dalla giunta regionale la scorsa settimana; è questo, in sintesi, l’obiettivo del protocollo per la partecipazione sottoscritto dal governatore Giovanni Toti e dai segretari generali liguri delle organizzazioni sindacali confederali.

“Questo accordo è importante perchè ha in sè dialogo e senso di responsabilità”, dichiara il Presidente Toti, “e la pubblica amministrazione deve fare la sua parte ma i sindacati devono collaborare. Vi è un accordo per ridurre la pressione fiscale ed il rischio dovuto all’aumento dei prezzi è sempre presente ma occorre ragionare sugli investimenti; nel nostro dna sono presenti concertazione e confronto ma occorre assumersi le proprie responsabilità e avere orizzonti chiari. Il rapporto con i sindacati è importante e questa firma porta vantaggi a tutti ed è necessario non rallentare i prossimi investimenti”.

Parole simili da parte di Maurizio Calà, segretario regionale Cgil :”Ringrazio il Presidente Toti e la giunta regionale dicendo che il Pnrr è importante e le risorse ci sono; è necessario mettere risorse aggiuntive lavorando con l’Europa ma è altrettanto fondamentale dialogare con la regione per capire i servizi aggiuntivi. Bisogna capire quale sarà il volano per le aziende ma la cosa più importante è la creazione di posti di lavoro stabili poichè lo sviluppo deve avere diginità; il Pnrr è fondamentale perchè darà maggiori servizi alle persone e l’elemento centrale è lo sviluppo delle aziende con le quali serve una discussione di merito. Chiediamo la creazione di tavoli con chi deve gestire tutto e la legge finanziaria è uno degli elementi cardine”.

“Ognuno deve avere un senso di responsabilità diffuso e moltiplicare la responsabilità condividendo percorsi e dando risposte alle persone”, afferma il segretario regionale Cisl Luca Maestripieri, “e quella del Pnrr è un’occasione importante ma bisogna verificare cosa produce. E’necessario attuare un protocollo per capire cosa si fa ma cosa conta davvero è il merito; il risultato deve essere percepito. Saranno in arrivo fondi che portano benefici a tutti però manca lo strumento per verificare la ricaduta sui lavoratori; 7 miliardi sono tanti ma servono per far crescere il benessere facendo crescere i posti di lavoro di qualità. E’impossibile fare una stima dei posti di lavoro ed occorre verificare i benefici derivanti dai bandi”.

“Questo protocollo ha in sè una vera opportunità di rilancio”, prosegue Mario Ghini di Uil, “ma è fondamentale che vi siano aziende, posti di lavoro e prospettive concrete per i giovani. Tutto ciò è importante perchè affrontiamo temi legati al Pnrr con importanti ricadute occupazionali; il modo di affrontare la gestione di questo piano è diverso da come abbiamo lavorato fino ad ora e servono informative dettagliate per affrontare i bandi quando si ha bisogno”.

“L’accordo in questione è importante per la gestione dei fondi del Pnrr ed è fondamentale capire cosa la regione può fare applicando tutto ciò; le risorse devono essere usate bene per raggiungere gli scopi prefissati. E’fondamentale tutelare e creare nuovi posti di lavoro ricordando che la regione attuerà il Progetto GOL relativo all’occupazione del valore di 105 milioni”, conclude Gianni Berrino, assessore regionale al lavoro.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: