Please assign a menu to the primary menu location under menu

REGIONE

Presentato il piano di investimenti e azioni messe in campo per l’attuazione del PNRR – Piano nazionale di ripresa e resilienza

5-6 miliardi di investimenti da spendere in investimenti che cambieranno il volto della nostra regione nei prossimi anni; tutto questo è il PNRR per la nostra regione.

“Il PNRR è nazionale e la regione ha competenze specifiche”, dichiara il presidente Giovanni Toti, “ma coordiniamo cosa si svolge sul territorio con un aggiornamento importante per la funzione regionale. Si sono riuniti tavoli tecnici importanti ed i bandi nazionali sono fondamentali per il settore sanitario; le risorse destinate ai comuni e all’Autorità di Sistema Portuale sono notevoli ed il progetto degli Erzelli è molto importante soprattutto per la sanità”.

Stessa soddisfazione da parte di Alessandro Piana, assessore alle politiche agricole :”L’agricoltura è molto importante e saranno finanziati soprattutto progetti legati alla sostenibilità ed all’economia circolare; l’Italia importa il 73% dell’energia e saranno inoltre fatti interventi per 800 milioni nel settore agroalimentare. Abbiamo quasi due miliardi da avviare per l’economia circolare ed il progetto del Canale Lunense a La Spezia è già finanziato; abbiamo interlocuzioni con le associazioni agricole per un importante percorso di condivisone delle strategie”.

“Il mio settore non ha un’intercettazione diretta del fondi del PNRR ma incontra diverse tematiche”, commenta l’assessore allo sviluppo economico Andrea Benveduti, “e questo strumento è molto vasto ed articolato rendendo difficile cogliere le opportunità. Abbiamo importanti contatti con diversi stakeholders ma la situazione è complicata poichè alcuni filoni di attività si sposano con i fondi comunitari; mappiamo le iniziative legate alle mie responsabilità e per le difficoltà dettate dalla burocrazia italiana aiutiamo i soggetti coinvolti. Certe linee del PNRR sono già superate e servono cose più concrete”.

“La missione del lavoro è importante ed abbiamo 106 milioni per il progetto GOL”, afferma l’assessore al turismo ed al lavoro Gianni Berrino, “ricordando che per il trasporto su gomma abbiamo più di 250 milioni per l’acquisto di mezzi green e 16 milioni per l’acquisto di due nuovi treni mentre per il turismo abbiamo poche risorse, circa 1,5 milioni”.

“Il mio assessorato è quello che ha più ambiti coinvolti nel PNRR”, sottolinea Simona Ferro, assessore alle pari opportunità, “ed abbiamo piani per evitare le discriminazioni e le molestie senza dimenticare una particolare attenzione agli asili. Superare il divario salariale è fondamentale ed abbiamo anche un piano per rendere performante l’attività della pubblica amministrazione semplificando la burocrazia; la regione ha 30 esperti specifici per sveltire le pratiche e la deroga delle assunzioni nella pubblica amministrazione è fondamentale così come la formazione dei dipendenti regionali. Lo sport ha diverse importanti missioni tra cui la riqualificazione delle strutture soprattutto nelle scuole, l’abbattimento delle barriere architettoniche e la riqualificazione delle aree urbane per uno stile di vita sano; un ulteriore aspetto che voglio evidenziare è quello dell’avvio del nuovo Piano Integrato di attività e organizzazione che sarà il nuovo strumento programmatorio che contribuisce a snellire ed ammodernare la pubblica amministrazione che sta beneficiando dell’inserimento dei cosiddetti “mille esperti” che hanno portato competenze specifiche per l’attuazione del PNRR e non solo”.

“Il mio settore si è aggiudicato più di 95 milioni di cui 45 destinati al progetto PINQuA ed abbiamo vinto con tre progetti per Genova, Sarzana e Sanremo”, evidenzia l’assessore all’urbanistica Marco Scajola, “senza dimenticare i 35 milioni destinati alla riqualificazione di 2600 cse popolari ed i 15 milioni per 14 interventi di edilizia scolastica. Ho usato i fondi governativi per queste cose mentre per gli altri bandi ci pensano i comuni ai quali diamo supporto tecnico; la maggior parte dei comuni liguri sono piccoli ed hanno bisogno di aiuto”.

“Fra le sfide principali del PNRR c’è quella della transizione ecologica e della sostenibilità ambientale ed il mio assessorato lavora da sempre per migliorare su questo fronte”, ricorda Giacomo Giampedrone, assessore all’ambiente ed alle infrastruttore, “e all’interno del PNRR  riveste particolare importanza la “Missione 2: Rivoluzione Verde e Transizione Ecologica”, per la quale i nostri uffici hanno supportato gli enti nella predisposizione della documentazione necessaria, per richiedere i fondi destinati alla realizzazione dell’impiantistica per la gestione e chiusura del ciclo dei rifiuti. Sono stati presentati 58 progetti a livello regionale per un totale ammissibile di oltre 138 milioni di euro; un’altra importante iniziativa è stata quella di avviare un tavolo tematico in materia di appalti pubblici per definire linee comuni di operatività nell’affidamento e nella gestione degli appalti stessi, un lavoro svolto insieme alle organizzazioni sindacali. Si è giunti alla stesura di una bozza di Protocollo d’intesa, che è stata inoltrata alle associazioni datoriali per una condivisione; il documento definitivo verrà sottoscritto prima dell’avvio delle procedure concernenti gli incarichi di progettazione e conseguentemente l’affidamento dei lavori e l’acquisizione dei beni e dei servizi nell’ambito del PNRR”.

“La partecipazione ai tre tavoli avviati sul PNRR per le competenze nei settori di cultura, istruzione e sociale ha sfiorato le 500 presenze ed è stato un importante segnale di condivisione dei percorsi avviati e di interesse per cogliere le opportunità messe in campo dalle varie misure; come coordinatore della Commissione Cultura delle Regioni, sto lavorando a Roma per la presentazione, insieme al ministro Franceschini, di una delle principali misure del PNRR Cultura, quella legata ai Borghi, frutto di un patto tra Stato e Regioni, un meccanismo partecipativo in cui come Regioni ci siamo assunte la responsabilità di scegliere un progetto pilota su cui investire 20 milioni di euro, condividendo con il ministero però la necessità di una seconda linea di finanziamento che, con un bando gestito a livello nazionale, sosterrà anche una progettualità più diffusa sul territorio. Per questa seconda linea dalla nostra regione sono arrivati altri 73 progetti, alcuni in forma aggregata, segno che i nostri Comuni e i nostri territori hanno una forza progettuale importante e che gli stakeholder hanno condiviso il concetto di fond; la cultura può diventare volano di rigenerazione del territorio dal punto di vista economico e occupazionale. Sul fronte dell’Istruzione e Formazione, l’opportunità è data dai finanziamenti per i percorsi in Ducale  e sono attesi circa 9 milioni di riparto su un sistema già consolidato ma soprattutto dal miliardo e mezzo destinato a livello nazionale per gli Its; in attesa dei criteri di riparto, che monitoriamo insieme alla legge di riforma incardinata al Senato, abbiamo condiviso con gli stakeholder di privilegiare la richiesta, sui fondi del PNRR, di finanziamenti per nuovi corsi, e non per nuove fondazioni, all’interno della nuova programmazione triennale regionale che prevede 28 nuovi corsi già con accordi siglati con le imprese (una parte avrà il complementare sostegno del Fse). Il fabbisogno per l’ammodernamento dei laboratori, da far valere sul Pnrr, è di 24 milioni di euro. Anche in campo sociale, i numerosi incontri con gli stakeholder, a partire dalle conferenze dei sindaci, e il supporto di Anci hanno portato a progettualità coordinata tra i territori sui 7 bandi attivati dalla Missione 5. Non va però trascurata l’azione importante sulla Missione 6 dove verrà attuata l’integrazione socio sanitaria all’interno delle case di comunità, tramite i Punti unici di accesso, le equipe miste stabili (con personale sanitario e dei servizi sociali) e il fascicolo elettronico socio sanitario, un ‘modello ligure’ per una presa in carico unica della persona, che può sommare esigenze sociali e sanitarie”, conclude l’assessore alle politiche giovanili ed alla formazione Ilaria Cavo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: