Attualità

Riduzione del numero dei Parlamentari: il Comitato savonese di “Democrazia Parlamentare” si fa’ sentire

Di assoluto rilievo la notizia della domanda, da parte dell’ Assemblea del Comitato “Democrazia Costituzionale” di Savona, di un incontro urgente col Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e con il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte “per sottolineare i gravissimi rischi per la nostra democrazia” che, secondo il Comitato, deriverebbero dalla riduzione del numero dei parlamentari, o, come viene comunemente definita, il “taglio dei Parlamentari”, esprimendo così, con tale più stringata e poco garbata definizione, un’attitudine mentale diffusa dalla cosiddetta antipolitica, che guarda ai due rami del Parlamento della Repubblica  – se sa essa che il Parlamento è ripartito appunto in due rami – come ad un ‘accozzaglia di gente  che sta lì per beneficiare di privilegi e di stipendi sull’ammontare dei quali si favoleggia a volte di cifre tanto esorbitanti quanto false , e , di conseguenza, di loro, meno ce ne sono meglio è , a parte che entrano a vfar pèarte del Parlamento con le stesse prerogative e diritti anche coloro che dall'”antipolitica” vengono eletti!

Ebbene, il Comitato Democrazia Parlamentare, mette in guardia gli elettori su di una scelta politica demagica, appartenente al periodo della fronda grillina intransigente  e deresponsabilizzata, che ha mutato,  in parte, orientamento dopo aver assunto incarichi di governi ma che rivive, appunto, nel ritenere sensato e inevitabile ridurre i membri delle camere, rispetto a quanto il legislatore costituzionale aveva stabilito con saggezza e criterio politico, non paragonabili alle attuali velleità che vogliono sconvolgerne i dettati e che purtroppo, per un motivo o per l’altro, trovano quasi unanime consenso da parte delle forze politiche, pur con la contrarietà di molti esponenti dell’informazione, della cultura, della giurisprudenza!  Il Referente del Comitato savonese, l’Avvocato Maria Gabriella Branca, così si esprime: “si sta sottovalutando la violazione dei diritti dei cittadini di essere correttamente informati nei confronti di un referendum che può avere importanti conseguenze sul piano istituzionale: infatti in alcuna forma si riesce ad ottenere chiarimenti o spiegazioni della alta posta in gioco. Una facile propaganda sull’idea del risparmio mistifica in realtà il problema del taglio del numero dei parlamentari che comporta una grave lesione del diritto dei cittadini di essere correttamente rappresentati”.

Ricordiamo infatti che il risparmio che il risparmio che ne deriverebbe (57 milioni l’anno, cioè 0,007% del bilancio dello Stato) è assolutamente risibile rispetto alla ferita che verrà portata al cuore delle nostre istituzioni“.

“Il Parlamento è il centro della democrazia, tagliare il numero dei parlamentari, non comporta alcun risparmio reale ed è solamente un modo per l’antipolitica di sminuire il rapporto tra i cittadini e i propri rappresentanti”.

Inoltre vi è il rischio che lo svolgimento attraverso la cosiddetta “election day” ponga sullo stesso piano una rilevante questione che riguarda l’assetto dello Stato e dei suoi organi fondamentali con le elezioni amministrative involgendo a scelte non correttamente volute. Dovremmo ricordare che i costi per far funzionare la democrazia sono degli investimenti perché siano garantiti diritti e libertà”.

Conclude infine l’Avv. Branca che “in previsione della imminente udienza che verrà trattata presso la Corte Costituzionale sulle istanze con cui si richiede la sospensiva della consultazione fissata per il prossimo 20-21 settembre, sarebbe estremamente significativo poter esprimere alle più alte cariche dello Stato i timori del nostro Coordinamento Nazionale per la Democrazia Costituzionale.”

Purtroppo le notizie odierne di membri delle Camere che hanno ritenuto opportuno di usufrire degli aiuti previsti dal Governo per chi è stato danneggiato, nelle propria situazione reddituale, dall’emergenza Covid, alimentano ulteriomente l’antipolitica e l’insofferenza insulsa verso gli appartenenti al Parlamento!

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: