Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀREGIONE

Rifiuti, problema spinoso

Biodìgestori e termovalorizzatore al vaglio anche in Liguria

L’obiettivo che si propone il Piano Regionale di gestione dei roifiuti è di raggiungere, in Liguria,  il 67% di raccolta differenziata entro il 2026 chiudendo il ciclo dei rifiuti attraverso un impianto Tmb (trattamento meccanico-biologico) e un biodigestore in ogni provincia con l’intercettazione del 95% del rifiuto organico, e forse, con l’installazione  pure di un termovalorizzatore,  a livello regionale. La deliberazione di proposta  di aggiornamento del Piano regionale di gestione dei rifiuti è stata approvata lo scorso 19 luglio dal Consiglio regionale con 18 voti a favore (centro-destra), 11 contrari (centro sinistra e M5S) e un astenuto (il presidente dell’assemblea e consigliere della Lega Gianmarco Medusei). Il Piano di Gestione non esclude la possibilità di edificare il biodigestore a Saliceti, frazione di Vezzano Ligure, in provincia di La Spezia, nonostante il Tribunale Amministrativo Regionale non avesse autorizzato l’impianto, provvedimento contro il quale la Regione Liguria ha presentato ricorso al Consiglio di Stato e del pronunciamento del quale si è ora in attesa. I vari comitati contrari all’impianto di Saliceti avevano manifestato nell’aula del Consiglio regionale. Un emendamento del PD per stralciare dal Piano il biodigestore a Saliceti era stato respinto con 19 no del centro-destra mentre aveva ricevuto 11  voti a favore da parte del centro-sinistra e del M5S. Per quanto riguarda gli impianti Tmb, si prevede che nel 2026,  a Imperia, a regime, si potranno trattare 42.763 t.  attraverso un impianto Tmb da 49 mila t., a  Savona si dovranno trattare 50.593 t., con  un Tmb da 100 mila t. a seguito di rimessa a nuovo dell’esistente di Cairo, a Genova Scarpino la produzione si attesterà a 140.838 t. con previsione di un Tmb da 110 mila t.già in fase di realizzazione e uno da 20 mila in località Rio Marsiglia. Alla Spezia si prevedono 26.272 t.con la capacità del Tmb di Saliceti alzata a 105 mila. La capacità massima degli impianti di biodigestione è di 216 mila t/anno.

L’unico biodigestore in funzione in Liguria è a Cairo Montenotte. “Il piano prevede gli impianti necessari ma non indica i siti dove saranno realizzati. – così aveva precisato l’Assessore regionale al Ciclo dei rifiuti Giacomo Giampedrone – Definiamo il futuro di un tema determinante per la Liguria come quello dei rifiuti. Abbiamo invertito una tendenza: quando siamo arrivati il sistema era basato solo sulle discariche e la differenziata era al 34%, oggi siamo al 55% grazie a 10 mln investiti. Prevediamo in tendenza il 67% e di risolvere la criticità di Genova”.

Il piano non promuove scelte virtuose per il riuso e il compostaggio, ferma l’obiettivo della raccolta differenziata al 67% e prevede impianti per lo smaltimento sovradimensionati – così obiettava, dall’opposizione,  il consigliere Davide Natale (Pd) – e riprende il progetto del biodigestore di Saliceti bocciato dal Tar. Oltre a un anta-termovalorizzatore che nessuno sa dove sorgerà”.  Sempre dall’opposizione, il capogruppo M5s, dichiarava: “Di sicuro siamo contro il progetto di un termovalorizzatore in Liguria perché ci sono opportunità alternative”, mentre Roberto Centi (Lista Sansa). era dell’avviso che “Saliceti si troverà addosso i rifiuti di mezza Liguria vicino alla falda idrica del Magra” e , per Pastorino (LC),  “…in 7 anni la Giunta Toti ha fatto poco per chiudere il ciclo dei rifiuti“.

Biodigestori e Termovalorizzatori non sono installazioni che trovano immediato favore e sono in genere avversate dai movimenti di ispirazione ambiantale; ancora recentemente, Gabriello Castellazzi (Europa Verde – Verdi del finalese), evocava una serie di motivi di contrarietà alla realizzazione di un termovalorizzatore, dalle pregiudiziali all’ambiante, ai finanziamenti, dal perseguimento della “decarbonizzazione”,  al rafforzamento della differenziata, come alternativa, allo smaltimento delle ceneri dopo la combustione dei rifiuti indirizzati  a tale trattamento.

Il problema della raccolta e dell rifiuti è complesso ma, forse, non bastano la raccolta differenziata o i criteri strettamente ambientali; qualcosa di più incisivo occorre.

Il biodigestore è un impianto di riciclaggio per la decomposizione, in appositi contenitori, di rifiuti organici tramite batteri anaerobi, con la possibilità di produrre biogas e riciclare i residui come fertilizzanti; il termovalorizzatore  è un  inceneritore che può convertire il calore generato dalla  combustione dei rifiuti in energia destinanta ad altro uso, sino a svolgere la funzione di centrale elettrica , o può servire per il teleriscaldamento o per la produzione di gas di sintesi.

 

Immagine: il biodigestore di Cairo, da 104 news

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: