Attualità

Rilancio: i balneari lo sentono poco

Balneari in affanno e sulle spine per il decreto “Rilancio”; così il S.I.B.,  – Sindacato Italiano Balneari – in una  nota oggi diffusa: “Il 3 luglio scorso la V Commissione della Camera dei Deputati ha approvato all’unanimità alcuni emendamenti proposti dal S.I.B. al decreto legge Rilancio per rafforzare il differimento di quindici anni della scadenza delle concessioni demaniali marittime e per eliminare i canoni pertinenziali.

“Abbiamo salutato positivamente questo risultato, ancorché parziale e con alcune criticità, immediatamente evidenziate” ,ha affermato Antonio Capacchione, presidente del Sindacato Italiano Balneari aderente a FIPE/Confcommercio.

Ieri, a seguito di alcuni rilievi da parte della Ragioneria dello Stato, a nostro avviso del tutto infondati, i Relatori del provvedimento hanno presentato, inaspettatamente, un emendamento per ritirare tutto quanto convenuto da tutte le Forze parlamentari in favore degli imprenditori balneari.

Ci siamo attivati immediatamente e tempestivamente per evitare che ciò accadesse.

“Constatiamo che, se da una parte è stato opportunamente e doverosamente confermato il rafforzamento normativo del differimento della scadenza al 2033 delle concessioni demaniali marittime vigenti – ha continuato Capacchione – dall’altra è stato, purtroppo, ritirato tutto quanto convenuto in favore dei pertinenziali”.

Per l’ennesima volta, si è perpetrata una ignobile ingiustizia verso la parte più debole della nostra categoria.

Ciò è inaccettabile e intollerabile!
Ci auguriamo che si ponga immediatamente rimedio a questo grave errore in danno di circa 300 famiglie che da 13 anni sono vessate, perseguitate e maltrattate dalle nostre Istituzioni.

Continuiamo con forza e determinazione nell’impegno per la tutela e messa in sicurezza giuridica ed economica della balneazione attrezzata italiana.

“Ringraziamo, ancora una volta, tutti i Parlamentari e le Forze politiche che sono al nostro fianco, perché consapevoli che la difesa del lavoro balneare e delle 30 mila aziende familiari costituisce un interesse pubblico a tutela del ‘Made in Italy’ e della competitività del nostro Paese nel mercato internazionale delle vacanze.”

In tutti questi anni si è fatto a gara, da parte delle forze politiche, della stampa, ed alla fine delle stesse organizzazioni degli operatori balneari, per ignorere lo spirito della sentenza della Corte di Giustizia dell”Unione Europea del 2016, accolta con favore anche dai sindacati dei balneari, che lasciava aperta più di una possibilità per ricolvere l’annosa questione delle concessioni e non si capisce perchè sia finita in un nulla di fatto anche l'”interpretazione autentica” della direttiva Bolkestein espressa dallo stesso ex commissario U.E, ! Forse per qualcuno, anzi permolti, è meglio mantenere il clima di conflitto!

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: