Attualità

Rosa Apicella ristoratrice in Albisola

In questa giornata di Ferragosto che ci auguriamo serena per tutti, vogliamo riferire del nostro incontro, pochi giorni fa, con Rosa Apicella, la “signora” della “Rosa dei Venti” di Albisola, che ci ha ricevuto nella sua “cucina, sala da pranzo, ristorante”, nella bellissima e caratteristica piazzetta che fa da quinta a via Colombo, un luogo dove si respira aria di vecchia Liguria,  di ricordi di barche da pesca e di ambienti pittoreschi…Rosa era seduta al suo tavolo, in quella sala dove le ceramiche d’autore  alle pareti ci rivelano che ci troviamo quasi in un club, dove altre a mangiare si deve apprezzare ed apprezzare anche l’arte e ricordarsi che siamo nelle Albisole, centri fra i più rinomati della Ceramica! Quando l’abbiamo salutata, lei, un po’ imbronciata, ma bonariamente, come è da lei, ci ha detto che ci aspettava un po’ prima, dato il nostro ritardo, per parlare, ed era intenta a sbucciare e tagliare dei fichi, visto che è la loro stagione, come ha tenuto a sottolineare, destinati alla preparazione di qualche manicaretto, forse di antipasto, che però non ci ha voluto meglio precisare!

Rosa, che ricordiamo aver ottenuto riconoscimenti da una Confraternita enologica francese, si dice un po’ preoccupata per la situazione turistica di questa estate pur sempre segnata dalla crisi del Covid19; non si vede molta gente in giro, afferma e si cerca di andare avanti come si può. Ma si può eccome, perchè è proprio lei, con la sua “grinta” di concretezza, ad ispirare e diffondere un certo ottimismo, che si coglie nella sua tavola sempre curata ed attrante, nei suoi vini, nei profumi che la sua cucina diffonde…”Sono io qui a fare turismo…ad attirare la gente” afferma Rosa ed è ben vero, perchè il fascino che proviene da “Rosa dei Venti” è proprio impareggiabile per quanto riguarda “ligusticità” e tipicità, e lei ce lo fa notare, con il sorriso che, alla fine, riaffiora sempre sulle sue labbra!

Ci coinvolge ad ammirare la piazzetta su cui si affacciano i suoi tavoli all’esterno, ci fa desiderare di non andarsene da quel posto, con quell’accesso alla spiaggia, un sottopasso intrigante, un minuscolo scalo dove è in secco una barca…

Rosa, che segue con passione la vita del suo paese, ci rammenta come la cura dell’immagine sia tra le poreoccupazione dell’Amministrazione comunale ed esprime apprezzamento per la recente sistemazione di piazza  Dante, con le ceramiche dell’estroso Paolo Anselmo, in effetti una soluzione urbanistica molto interessante e mette in rilievo come appunto si pensi ad abbellire la città, a renderla interessante ed attraente per villeggianti e visitatori…peccato che, appunto, vi sia fra loro qualche vuoto!

Rosa era impegnata pure all’organizzazione di una cena sulla spiaggia, fra le barche sulla spiaggia, dovrebbe essere proprio per questa sera.

Insomma anche se la “Signora” Rosa dei Venti si dice un po’ perplessa ed in ansia per l’immediato futuro, ci allontaniamo dalla sua dimora- ristorante con più fiducia e buonumore, con  la convinzione che andrà bene, che la nostra Riviera sarà sempre coinvolgente e, con l’acquolina in bocca, diciamo la verità perchè vorremmo sederci ad un tavolo e gustare la sua cucina e, chissà, i prossimi giorni, sul fare della sera, andremo là proprio per questo! Ricordiamo ancora la vineria, aperta in via Colombo, con una serie di bottiglie pronte alla degustazione da parte di appassionati e di intenditori, in un ambiente pieno di charme, aperto su di una via da cartolina!

 

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: