Please assign a menu to the primary menu location under menu

POLITICAPONENTE

Sanità regionale: scontro ad Albenga in Consiglio Comunale

La riapertura del Pronto Soccorso ad Albenga è una problematica trasversale

Acque agitate, la sera di ieri 28 settembre, durante la seduta del Consiglio Comunale di Albenga. I consiglieri di minoranza Eraldo Ciangherotti, Diego Distilo, Cristina Porro e Roberto Tomatis hanno proposto una delibera per chiedere al Consiglio Comunale “di delegare altra persona diversa dal sindaco Riccardo Tomatis al ruolo di presidente socio sanitario distrettuale, alla luce del fatto che il sindaco di Albenga ha intrapreso da tempo una battaglia personale, non condivisa, contro tutto l’apparato regionale, non solo politico, ma anche amministrativo”.  La Maggioranza ha respinto senza alcun ripensamento la proposta dei quattro consiglieri di opposizione qualificandola anzi come assurda, imbarazzante ed offensiva. Ma non solo la maggioranza che sostiene il Sindaco Tomatis è stata al suo fianco, anche il consigliere di Minoranza, Gerolamo Calleri, pur astenendosi dalla votazione, non ha firmato la proposta di delibera.  In effetti i tentativi, se non la vera e propria battaglia,  per la riapertura del Pronto soccorso all’ospedale Santa Maria di Misericordia costituiscono un’annosa questione, per la città di Albenga, che si protrae da una dozzina d’anni e che è condivisa dalla cittadinanza e la presenza al Consiglio comunale di ieri di alcuni esponenti del comitato #senzaprontosoccorsosimuore, è significativa della condivisione, da parte della comunità non solo di Albenga ma dei Comuni vicini,  dell’impegno del Sindaco Tomatis e della Giunta, di riuscire ad ottenere la riapertura del Pronto soccroso.

Il consigliere di Maggioranza, Giorgio Cangiano, già sindaco di Albenga prima di Tomatis, così si è espresso: “Premesso che la battaglia sul tema sanità è sempre stata condivisa dal sindaco con il territorio e i cittadini, con questa delibera i consiglieri di minoranza Ciangherotti, Distilo, Porro e Tomatis stanno dicendo che un Presidente della Regione, perché qualcuno lo contesta, è legittimato a non ascoltare un intero comprensorio?! Questa è una cosa di una gravità estrema”,   rimarcando come “da sempre l’atteggiamento del Comune di Albenga è stato quello di cercare il dialogo e la collaborazione, ma quando si chiedono incontri e possibilità di confronto senza mai ottenere riscontri positivi è tutto molto difficile. La Regione ha preso ogni sua decisione sul tema sanità senza coinvolgere il territorio e i risultati sono sotto gli occhi di tutti. I consiglieri Ciangherotti, Distilo, Porro e Tomatis forse ritengono che un atteggiamento ossequioso nei confronti di Toti potrebbe portare a riscontri positivi? Credo fermamente che questo modo di pensare sia profondamente sbagliato e forse, invece dovremmo fare ancora di più”.

Il Sindaco Tomatis ha poi riaffermato l’impegno del Comune per il Pronto Soccorso come impegno sentito da tutti, ricordando anche l’operato di personaggi carismatici come Rosy Guarnieri, esponente della Lega e, a suo tempo, sindaco di Albenga, scomparsa nel 2018 e Dino Ardoino, conosciutissimo Presidente della Pubblica Assistenza Croce Bianca; così ha affermato Tomatis:

“Quella per l’Ospedale e per un punto di emergenza ad Albenga, non importa se lo chiamiamo pronto soccorso, punto di primo intervento o in altro modo, è una battaglia condivisa con tutto il territorio.

Purtroppo su questo tema, mentre su altri il dialogo è costante con l’Ente regionale sia con i tecnici che con la parte politica, il problema è ultradecennale.Rosy Guarnieri fece una manifestazione 12 anni fa per l’ospedale di Albenga, durante l’Amministrazione Cangiano nella quale ero vicesindaco abbiamo provato in molteplici occasioni a chiedere un confronto con l’allora assessore alla sanità Sonia Viale e con il Presidente Toti senza mai avere riscontro. Da sindaco ho provato in diverse occasioni a chiedere un dialogo sul tema, come comitato spontaneo pro ospedale ci siamo rivolti anche al Prefetto, ma la Regione non ha mai accettato un confronto.Non pensate quindi che il problema potrebbe essere la Regione? I consiglieri Ciangherotti, Distilo, Porro e Tomatis chiedono le mie dimissioni dal ruolo di presidente del distretto sociosanitario, che peraltro non si occupa prettamente del tema sanità e ospedale, dicendo che la mia è una battaglia non condivisa dimenticando forse che noi abbiamo fatto una cosa straordinaria: abbiamo dato il via ad un tavolo di lavoro permanente dove siedono persone rappresentative del territorio e che hanno dedicato la loro vita agli altri come il Presidente della Croce Bianca,  Dino Ardoino. Abbiamo ascoltato il parere dei tecnici e di medici che hanno condiviso con noi la necessità di avere un punto di emergenza ad Albenga. La nostra non è una richiesta che non si basa su dati concreti e studi specifici. Per riavere il pronto soccorso basterebbero alcuni reparti che peraltro ad Albenga, fino a pochi anni fa, c’erano. In nostro aiuto oggi viene anche la telemedicina e riteniamo che la collaborazione tra strutture ospedaliere (Santa Corona e Santa Mara di Misericordia) garantirebbe un migliore servizio a tutti i cittadini. Solo per un miracolo, infatti, questa estate non è capitato nulla di grave, ma molti pazienti decidevano di non curarsi piuttosto che andare ad aspettare ore al pronto soccorso di Pietra Ligure. Credo che questa sia una situazione inaccettabile nel 2022. Mai come in questa occasione e per questa battaglia il territorio si è mosso in maniera forte e concreta. Continueremo a farlo tutti insieme e condividendo sempre le scelte su questo tema sperando che, anche a seguito dei risultati elettorali delle elezioni politiche, presto possa essere nominato un nuovo assessore alla sanità con il quale avviare un dialogo e un confronto positivo. Noi continuiamo ad essere disponibili in tal senso e a metterci a disposizione per la difesa del diritto alla salute di tutti i cittadini”.

 

Immagine: Ospedale Santa Maria di Misericordia di Albenga

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: