Ufologia le bufale e fake news di ieri e oggi ai tempi del Covid-19 , il live di A.R.I.A

Il caso Amicizia ha tenuto banco in Italia per molti decenni , divenuto un simbolo per l’ufologia Italiana oggi si è trasformato in un forte imbarazzo per l’ambiente ufologico, si perchè da anni ormai si discute sulla veridicità del suddetto caso e a farlo è stata ancora una volta A.R.I.A(associazione ricerca italiana aliena) in una diretta live dal proprio gruppo Facebook con il fondatore e ufologo Angelo Maggioni, e l’ex carabiniere brigadiere Michele Manzoni (vittima di Nassiryia). Il live seguito da molti iscritti si è concentrato su alcuni aspetti del caso più controverso e discusso nel campo dell’ufologia Italiana. Maggioni spiega che in realtà A.R.I.A, visto l’insistenza di molti di voler mantenere vivo il caso divulgando in continuazione menzogne e inesattezze , e visto anche la volontà di volerlo riportare a galla con un proseguo , ha ritenuto necessario ricordare ai propri iscritti ( per un totale di 7000 tra Youtube e Facebook escluso i 3000 di Twitter , per un totale di 10000 ) quanto sia complessa la verità e cosa ci sua di vero nel caso italiano.Si apprende che il responsabile della vicenda Sammaciccia , consorte e amico, subirono un processo per truffa ai danni di anziani con promesse di guarigioni attraverso un medico marziano, spuntano fiale protettive che andavano inserite sotto il tettuccio delle macchine , o cappelli , fiale che venivano vendute a 15 mila lire cadauna . Fu lo scrittore e giornalista Bandini a riportarlo nel suo libro durante le ricerche e indagini di quei tempi .Non solo , spiega Maggioni , anche Romano Di Bernardo (giornalista) , ai tempi inquierente CUN , si espresse a sfavore del caso bollandolo fantascientifico, ma lo stesso fece indagini su un avvistamento ufo nel Pescarese ad opera di Ghibaudi mostrando e dichiarando che l’oggetto fotografato in riva al mare altro non era che un modellino in vendita a quei tempi alla Standa, furono, svela Di Bernardo , i carabinieri del luogo a chiedere un suo consulto personale visto la sua esperienza nel campo ufologico .La foto originale del modellino infatti non lascia dubbi, foto reperibile da ex siti dello stesso Romano , oggi non più visibili ma rintracciabili tramite web archive , così come Di Bernardo in una intervista spiega la morte improvvisa dei fratelli Fulgentiis . Per anni si è fatto credere ad una inesistente e ridicola guearra tra alieni buoni , i W56 e gli alieni cattivi , i CTR o Contrari, spiega l’ex Brigadiere Manzoni, io non ero un esperto di ufologia e grazie a Maggioni e alla sua serietà investigativa ho deciso di informarmi e leggere tutte le documentazioni possibili e disponibili e debbo dire che ho scoperto una realtà completamente diversa da quella che immaginavo, vale a dire che un buon 99% dei casi ufologici sono palesemente falsi! anzi dirò di più , alcuni si intrecciano con reati penali perseguiti dalla legge con sentenze e archiviazioni varie. Maggioni spiega nel live di come la sua posizione controcorrente tesa a smascherare le falsità ufologiche lo abbiano fatto diventare un nemico numero uno nel campo ufologico, sebbene lo stesso crede fortemente all’esistenza aliena denuncia il mal costume di molti ufologi che alla ricerca costante di like, visualizzazioni e popolarità per farne anche del Business siano stati disposti a sfornare teorie , a inventare abduction e avvistamenti fasulli , ricordo oggi la follia del covid-19 diffuso dagli Alieni, oppure che siano le antenne 5G le artefici di questa pandemia, c’è chi si è spinto davvero oltre con la fantasia affermando che il covid -19 venga attivato dai satelliti Starlink (ipotizzano la concomitanza del lancio dei satelliti con l’apparizione del covid-19) tutto questo grazie appunto alle consolidate e sperimentate bufale del passato che hanno di fatto spianato la strada odierna della follia complottistica aliena. Sia chiaro, afferma l’ufologo nel live, io credo al complottismo come forma di contrapposizione e come conferma della democrazia, non ne condivido l’operato quando esce dai binari, gli esempi riportati da Maggioni sono eloquenti e indiscutibili , tanto che la stessa magistratura è intervenuta, dal Ponte Morandi e le vittime inesistenti ( a detta di Marcianò , denunciato anche per aver affermato dell’inesistenza del covid-19). Secondo l’ufologo ligure il tutto nasce ( complottismo) dalla sindrome Orwelliana , coniato da George Orwell per il suo libro di fantascienza distopica 1984 , utilizzato dal Partito del Grande Fratello per indicare il meccanismo psicologico che consente di credere che tutto possa farsi e disfarsi: la volontà e la capacità di sostenere un’idea e il suo opposto , in modo da non trovarsi mai al di fuori dell’ ortodossia , dimenticando nel medesimo istante, aspetto questo fondamentale, il cambio di opinione e perfino l’atto stesso del dimenticare. Chi adopera il bipensiero è quindi consciamente convinto della veridicità (o falsità) di qualcosa, pur essendo inconsciamente consapevole della sua falsità (o veridicità). Il bipensiero è ipoteticamente essenziale nelle società totalitarie che, per definizione, richiedono un’adesione costante di fronte a mutevoli linee politiche.Mentre per l’ufologia si potrebbe indicare War of the Worlds , o meglio la guerra dei mondi, L’idea alla base dell’adattamento era di trasmettere nel corso del programma musicale della sera una serie di comunicati “dal vivo” del tutto simili a quelli trasmessi nei notiziari radiofonici.

Welles, che era anche il regista e produttore del programma, non aveva previsto quelle che sarebbero state le reazioni del suo pubblico; non aveva nessuna intenzione di fare uno scherzo, come talvolta si crede, tanto è vero che sia all’inizio della trasmissione che alla sua conclusione venne chiaramente detto che avevano trasmesso l’adattamento radiofonico del romanzo di Wells. Al suo interno però si fece di tutto per renderlo verosimile.

Alle ore venti in punto del 30 ottobre 1938, dopo le prime note del programma musicale, irruppe la voce dell’annunciatore:L’idea alla base dell’adattamento era di trasmettere nel corso del programma musicale della sera una serie di comunicati “dal vivo” del tutto simili a quelli trasmessi nei notiziari radiofonici.Welles, che era anche il regista e produttore del programma, non aveva previsto quelle che sarebbero state le reazioni del suo pubblico; non aveva nessuna intenzione di fare uno scherzo, come talvolta si crede, tanto è vero che sia all’inizio della trasmissione che alla sua conclusione venne chiaramente detto che avevano trasmesso l’adattamento radiofonico del romanzo di Wells. Al suo interno però si fece di tutto per renderlo verosimile.

Alle ore venti in punto del 30 ottobre 1938, dopo le prime note del programma musicale, irruppe la voce dell’annunciatore:

«Signore e signori, vogliate scusarci per l’interruzione del nostro programma di musica da ballo, ma ci è appena pervenuto uno speciale bollettino della Intercontinental Radio News. Alle 7:40, ora centrale, il professor Farrell dell’Osservatorio di Mount Jennings, Chicago, Illinois, ha rilevato diverse esplosioni di gas incandescente che si sono succedute ad intervalli regolari sul pianeta Marte. Le indagini spettroscopiche hanno stabilito che il gas in questione è idrogeno e si sta muovendo verso la Terra ad enorme velocità. Al termine della trasmissione, Orson Welles si recò in un vicino teatro per prendere parte alle prove serali di uno spettacolo, venendo a conoscenza solo il giorno dopo del putiferio che la sua interpretazione aveva scatenato. Oggi si può tranquillamente dire che molti ufologi Italiani sfruttino un piano similare , cercando di creare ansia e suggestione verso gli appassionati che indubbiamente farebbero meno fatica poi ad accettare quello che gli viene raccontato e dei casi di abduction , in realtà mai verificatosi. Su Amicizia abbiamo , prosegue l’ufologo, purtroppo delle vittime reali che hanno perso tutto e che nessuno restituirà!! Così come anche il caso complesso e intrecciato di Canneto di Caronia dove i due imputati sono (padre e figlio) rei confessi di alcuni incendi e che stranamente vengono considerati attendibili da ufologi tanto da proporre interviste che avvalorano, a loro dire, gli eventi ufologici di quei tempi ! Come chiedere ad un ladro di far credere che è onesto …Stessa storia sulla complessa Valmalenco dove una cosa è certa , molte foto di alieni esposte al pubblico sono false!!E che dire del caso Caponi? altra bufala portata avanti per anni …Poi ci sono i ricercatori nostrani che vanno a fare spedizioni in America Latina e tornano in Italia affermando di aver visto ufo o di aver subito contatti, anche in questo caso spudoratamente falsi !! Tra tutte le cose , spiega in ultimo l’ufologo, che mi stupisce è che ad oggi molti considerano Gaspare De Lama un pilastro del caso Amicizia , in realtà non è così , si è prestato al gioco ( in buona o mala fede non è chiaro) e di presenziare ai convegni ufologici raccontando del caso Amicizia , lo stesso pittore però ne ha fatto parte solo dal 1960 al 1964 , il caso Amicizia sarebbe iniziato poco prima del 1956 e terminato negli anni 80 … Cosa potrà mai sapere il signor De Lama se non quello che gli è stato raccontato a sua volta?? nulla tanto che lui stesso ha più volte sconfessato foto presenti nel libro Contattismi di Massa raccontando aneddoti interessanti sui vizi di Breccia … Un live interessante e molto autocritico quello di ieri sul canale A.R.i.a che ha messo a nudo la fragilità ufologica ma ha anche scoperchiato un vaso di pandora sui molti fake e falsi miti dell’ufologia Italiana . Un contributo che non può che essere ben apprezzato a chi è in cerca di verità e non di popolarità !

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: