Please assign a menu to the primary menu location under menu

CULTURA

Una camminata cittadina ha ricordato ieri la strage di Via D’Amelio

“Le loro idee camminano sulle nostre gambe-A trent’anni dalla strage di via d’Amelio camminiamo insieme per non dimenticare”. Ieri, 19 luglio 2022, a Savona una significativa manifestazione ha ricordato l’anniversario della strage di Via d’Amelio a Palermo, nella quale persero la vita il magistrato Paolo Borsellino e i componenti della sua scorta, Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosima e Claudio Traina.

A organizzare la marcia, che ha preso l’avvio alle ore 18, attraversando il centro città, il Comune di Savona, in collaborazione con l’Associazione “Libera”, il Comitato cittadino della Resistenza Antifascista, il Tribunale e la Procura della Repubblica di Savona. La camminata, alla quale, oltre alle autorità civili e militari, hanno partecipato numerosi cittadini e associazioni, è partita da Piazza Mameli al suono simbolico e commovente dei ventuno rintocchi del Monumento ai Caduti, dirigendosi poi verso Piazza del Popolo, per una prima tappa presso la panchina dedicata ai Giusti delle Nazioni (la cui coloritura è stata opera di alcuni studenti del Liceo Scientifico, nell’ambito del progetto per la riqualificazione dei giardini), effettuando successive fermate in luoghi significativi, presso il Tribunale e in Piazza Sisto IV, davanti al Municipio ( sui cui muri dal 19 al 22 luglio viene proiettata l’immagine dei due giudici), per concludersi poi in Via Peppino Impastato, nel ricordo del giornalista e attivista siciliano, nel 1978 altra innocente vittima della mafia.

Nel corso della manifestazione hanno preso la parola il Sindaco di Savona Marco Russo, la Presidente del Tribunale Lorena Canaparo, la Presidente della Sottosezione dell’Associazione Nazionale Magistrati Fiorenza Giorgi, e due fra gli studenti dello Scientifico, che hanno ricordato le figure di Paolo Borsellino e Giovanni Falcone, sottolineando l’importanza del loro esempio e la necessità di portare avanti la lotta contro la mafia, facendo camminare le idee di questi due martiri “sulle nostre gambe”. Così recita il manifesto, che riprende l’ormai iconica fotografia in cui i coraggiosi magistrati appaiono vicini e sorridenti in quello che s’immagina un amicale scambio di opinioni.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: