Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀ

Una dolce storia

Abbiamo riflettuto se dare rilievo ad un fatto accaduto ad Alassio e che ha avuto protagonista una nota pasticceria. Alla fine abbiamo optato per raccontarla, proprio come antidoto ai tempi bui che stiamo vivendo. E poi perché in queste ore nell’incantevole  Alassio è  stato giustamente messo in primo piano un odioso episodio, quello del ragazzo tedesco picchiato e soprattutto  rapinato del suo adorato cane. E allora abbiamo pensato che la storia qui di seguito raccontata sia davvero un vaccino contro tanta violenza fisica e verbale. Accade che un paio di giorni fa una signora ordini un consistente vassoio di paste e dolci vari per un ammontare superiore ai 50 euro. Mica male in un periodo nel quale tanti, per necessità  di risparmiare, sono diventati diabetici.  I titolari sono contenti ma quando chiudono la giornata si accorgono  che il divario di cassa è  di cinquanta euro. E allora tornano con la mente a quella sconosciuta  signora che aveva ordinato l’abbondante  vassoio di paste e che con un gioco di prestigio tipico del miglior Silvan prima aveva esibito i soldi per poi rimetterli in tasca. ” Ormai questo è  il turismo che dobbiamo subire  ” sussurrano giustamente i titolari, uno dei quali la mattina seguente trova una strana busta sotto la serranda.  Una busta con tanto di biglietto di scuse e soprattutto con una banconota da 50 euro. Nel biglietto la signora spiega che da subito si era accorta del suo gesto ma che se fosse tornata indietro non sarebbe stata creduta, visto i tempi. Ha aspettato l’alba del giorno seguente per rimediare all ‘involontario  errore. Ed allora di questa storia dolce traiamo una riflessione amara: tristi i tempi nei quali si deve aver paura di essere onesti.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: