Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀ

Covid 19: tra negazionisti e catastrofisti, la società infantile ed i suoi amici

Una società senza Padri ( validi modelli etici di riferimento) come la nostra è facile si smarrisca nei meandri dell’eccesso e dell’auto- rappresentazione, accantonando qualsiasi forma di vissuto obiettivo del “Reale”, quella, per intenderci, che Massimo Recalcati definirebbe come “ Legge della parola”. E così assistiamo al poco edificante fenomeno della manipolazione del linguaggio, che viene piegato al culto della visibilità e ad una trasgressione fine a se stessa, la cui finalità principale è esaltare, sotto i riflettori dell’opinione pubblica, quel “personaggio” sotto il quale si nasconde sovente una “persona” dall’identità fragile e insicura. Esempi significativi di tale trend si sono avuti proprio in questi giorni, a proposito delle ultime notizie in merito a un nuovo incremento dei contagi da Covid ( caratterizzati peraltro da una sintomatologia ben più lieve rispetto a quella della scorsa primavera). E così abbiamo assistito allo scatenarsi dei cosiddetti “ negazionisti” ( Briatore, Bolsonaro, Trump, Sgarbi, alcuni dei quali colpiti essi stessi, in una sorta di nemesi da contrappasso, dalla stessa malattia) e di tutti i loro supporter.  Questi ultimi in diverse città europee si sono ammassati nelle piazze senza alcuna precauzione, imprecando contro un presunto complotto che avrebbe “inventato” il Virus allo scopo di menomare le nostre libertà e instaurare regimi autoritari. Ebbene la mia personale percezione, che non riguarda tanto queste greggi opportunamente ammaestrate, ma bensì i loro “ cattivi maestri”, è che neppure questi ultimi credano a ciò che dicono, ma ciò nondimeno, per smania di protagonismo o per biechi tornaconti imprenditoriali, si “ divertano” a mettere in dubbio evidenze scientifiche e dati di fatto, disinteressandosi altamente di quelle ricadute emulatorie, che di fatto mettono in grave pericolo la salute di noi tutti. All’estremo opposto troviamo invece i “ fobici”. Si tratta sovente di persone che già prima dell’avvento del Virus, soffrivano di una visione depressiva della vita, con l’attitudine a subirla e non a pilotarla. Questi ultimi, in perfetta antitesi con i negazionisti, enfatizzano ed esasperano la gravità della pandemia, in una sorta di clausura mentale, in cui non c’è spazio per l’ottimismo e per la speranza ( anche per oggettivi dati statistici) che presto si possa tornare a una piena normalità relazionale, nonché alla ripresa di quelle attività ludiche che sono state particolarmente penalizzate dalla pandemia. Di più. Come ho già avuto modo di dire, per questi ultimi il Covid ha spesso rappresentato il grande “Alibi” per insistere su copioni di vita caratterizzati dall’indolenza e da una generale diffidenza verso ogni possibile apertura sociale, da cui già in precedenza rifuggivano per evitare di mettersi in gioco senza il paracadute di pseudo- sicurezze. Ne consegue che nell’uno come nell’altro caso ci troviamo di fronte a una società infantile. Una società, in altre parole, che a causa di una generale “orfanità” di modelli valoriali e di simboli paterni, denota fragilità narcisistiche o, al contrario, rinunciatari sensi di abbandono. Una collettività in definitiva, che rifiuta di diventare “ adulta”, dimostrando una necessaria emancipazione. La quale è capacità di vivere senza Padri certo, ma pur sempre coltivando onestà intellettuale e coscienziosità, nella  comune declinazione di senso di responsabilità verso se stessi e verso il prossimo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: