CalcioSport

Dentro alle Istituzioni Sportive – Fumata bianca per la Serie A : ripartirà il 20 giugno

Fumata bianca per la Serie A :  ripartirà il 20 giugno 

Non appena terminato il positivo incontro tra il ministro dello Sport e il mondo del calcio, Vincenzo Spadafora si è recato dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, per comunicargli che la data di ripartenza del campionato di calcio di Serie A sarà il 20 giugno. Una settimana prima si disputeranno le gare di Coppa Italia. Questo nonostante il caso di una sospetta positività al Covid-19 di un membro dello staff del Bologna  che aveva precauzionalmente sospeso gli allenamenti. Per il Cts la quarantena per calcio rimarrà sempre di 2 settimane e i campionati di A, B e C dovranno concludersi entro il 20 agosto. La Serie A di calcio quindi, finalmente riparte. Calcio e governo uniti per dare il via libera alla ripresa dopo settimane di allenamenti individuali e qualche giorno di sedute collettive hanno dato l’ok. La riunione, iniziata alle 18.30 e durato poco più di un’ora, ha visto protagonisti Spadafora, Figc, Leghe, Calciatori, Allenatori e Arbitri. In mattinata era arrivato l’ok definitivo del Comitato Tecnico Scientifico al nuovo protocollo sanitario sulla ripresa dell’attività agonistica sostanzialmente identico a quello sugli allenamenti collettivi. Non sarebbero sorti particolari problemi anche perché la famosa norma sulla quarantena “automatica” della squadra in caso di positività è rimasta inalterata. Il Cts ha espresso il suo “apprezzamento per la puntualità di dettaglio nell’analisi di molti aspetti”, ribadendo però come “le norme attualmente in vigore prevedano chiare disposizioni” a proposito “della quarantena di un soggetto positivo” e quella conseguentemente precauzionale di tutto il resto del gruppo-squadra. Ora da definire il nodo orari e televisioni. Ripartenza La data giusta è il 20 giugno, ma è stata accolta anche l’idea della Lega di anticipare al 13 le semifinali di Coppa Italia: Napoli-Inter e Juve-Milan, partite che coinvolgerebbero un’ampia parte di spettatori dal momento che si tratta di avvenimenti in chiaro, circostanza che non dispiacerebbe al ministro Spadafora. Quanto agli orari se prima delle 17 per i calciatori non si può giocare, arriva la proposta del primo slot orario delle 17.15. Si spostano in avanti anche le altre due fasce: start fissati per le 19.30 e per le 21.45. Soluzioni su cui il sindacato dei calciatori riaprirà la discussione. Per Gravina la ripresa del calcio “rappresenta un messaggio di speranza per tutto il Paese”. Ecco ancora le parole del presidente della Federcalcio. “Sono felice e soddisfatto, è un successo che condivido con il ministro per lo Sport Spadafora e con tutte le componenti federali. Il nostro è un progetto di grande responsabilità perché investe tutto il mondo professionistico di Serie A, B, C e, auspicabilmente, anche la Serie A femminile. Solo l’immediato ritorno in campo consentirà al calcio italiano di attutire il crollo dei ricavi sul breve periodo stimabili altrimenti in oltre 700 milioni, più di 500 generati dal blocco imposto dal Covid-19. Occorre difendere 100 mila lavoratori, un milione e mezzo di tesserati e 4,7 miliardi di fatturato” ha concluso. Seguiremo gli sviluppi confidando non si tratta di una messa in scena pronta ad arrendersi al primo intoppo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: