Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀ

I Marinai d’Italia ed il mondo politico e sportivo savonese in lutto per la scomparsa di Carlo Cipollina

Da tempo immemore non si vedeva la chiesa del Sacro Cuore in C.so Colombo così gremita. A destare gli animi trovando il coraggio di correre l’inevitabile rischio di assembramento ci ha pensato quel “volerci essere” a tutti i costi. Questo dà la misura del buon ricordo che in tantissimi ha lasciato Carlo Cipollina, 75 anni , ex consigliere comunale e grande protagonista della vita sociale della città. Prima responsabile provinciale della Democrazia Cristiana a metà anni Ottanta, poi vicesegretario provinciale della Cdu dal ’94 al ’95, dal 1997 al 2011 è stato componente del comitato provinciale di Forza Italia, poi Pdl. Aveva inoltre ricoperto inoltre la carica di consigliere comunale per tre mandati, dal 1990 al 2001 ed era stato recentemente candidato con Angelo Schirru nel centrodestra alle ultime elezioni comunali. Cipollina, un volto conosciuto in tutta Savona, ex dipendente della Fiat e delle Funivie, ha ricoperto anche incarichi nel cda di Acts, dove è stato vice presidente e per molti anni si è impegnato nella formazione giovanile proprio attraverso la Parrocchia del Sacro Cuore e come segretario dell’Unione Sportiva Priamar oltre ad essere stato presidente emerito dell’Associazione Marinai d’Italia.Come secondo capo di leva in quanto perito meccanico aveva infatti prestato servizio sulla Nave Agave e all’autoparco di Augusta del quale, di fatto, era diventato il vero comandante. Toccanti le parole pronunciate per lui dall’alfiere dei Marinai Luca Ghersi prima della benedizione impartita da Don Lupino, dispensatore attento e profondo di un’omelia funebre dal profilo teologico elevatissimo : ” Sei salpato per l’ultima missione verso i cieli celesti come un vero Marinaio,e vogliamo ricordarti così solidale, altruista, generoso e disponibile verso quegli “altri”, da cui forse hai avuto meno riconoscenza di quanto tu meritassi.Hai lottato tenacemente contro un nemico subdolo che non ti ha lasciato scampo”.La preghiera del marinaio composta da Antonio Fogazzaro nel 1901 ha riecheggiato infine tra le navate in onore del caro Carlo. La nostra Redazione con in testa il Direttore cav. Roberto Pizzorno esprime vicinanza in questo momento di dolore all’amata figlia Barbara ed al piccolo nipotino Andrea.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: