Please assign a menu to the primary menu location under menu

REGIONE

Il Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese firma a Genova i protocolli di legalità per la Diga Foranea e l’Area Portuale di Sestri Ponente

E’stato sottoscritto il “Protocollo di legalità per la realizzazione della nuova diga foranea di Genova” e del “Protocollo di legalità per la progettazione definitiva ed esecutiva e l’esecuzione dei lavori relativi all’adeguamento alle norme in materia di sicurezza dei luoghi di lavoro, nonché di razionalizzazione dell’accessibilità dell’area portuale industriale di Genova Sestri Ponente”, Il protocollo è stato firmato dal commissario straordinario per la ricostruzione del ponte Morandi Marco Bucci, dal Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale Paolo Emilio Signorini e dal Prefetto Renato Franceschelli.

“Questo è un protocollo importante per le grandi opere della città”, dichiara il presidente Giovanni Toti, “e Genova ha in sè la voglia di ripresa che possiamo vedere nei nuovi cantieri. Bisogna lavorare in fretta con regole efficaci ed il Ponte San Giorgio rappresenta la capacità di realizzare opere nel tempo giusto in assoluta legalità; se tutti lavorano con le stesse regole il Paese cresce e questo accordo rappresenta una nuova Italia con il PNRR”.

Parole simili da parte di Sua Eccellenza il Prefetto Renato Franceschelli :”Saluto il Ministro Lamorgese dicendo che vi è la volontà di collaborazione tra le istituzioni e la legalità è per noi fondamentale; ringrazio chi ha elaborato il protocollo che comprenderà una struttura informatica comune con i dati di tutte le aziende coinvolte e dei loro dipendenti, una sorta di banca dati per la Polizia e gli addetti ai controlli. Ci sarà un confronto periodico e sono convinto che questo modello possa essere replicabile per gli appalti dei prossimi anni realizzati con i fondi del PNRR; tutti dobbiamo essere al fianco delle istituzioni per verificare se questi fondi siamo spesi bene e nei tempi giusti”.

“Genova è un’importante città con molti cantieri ed abbiamo come obiettivi la legalità, la sicurezza e la trasparenza condannando le infiltrazioni mafiose”, sottolinea Paolo Emilio Signorini, presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale, “ma occorre una ricognizione di tutti i soggetti presenti in cantiere. La banca dati è complessa ed il monitoraggio rafforzato è importante; i controlli saranno rigidi perchè il rischio è alto ma dobbiamo guardare al precedente del ponte. Tra i nostri obiettivi vi è quello di tracciare i soggetti legati all’opera, valutare le condizioni dei lavoratori e dei flussi finanziari”.

“Tutti questi cantieri portano una grande visibilità a Genova ma servono cautele nel settore dell’anticorruzione, dell’antimafia e della sicurezza”, afferma il sindaco Marco Bucci, “perchè sono fondamentali. I controlli hanno funzionato bene per il cantiere del ponte e ringrazio chi lavora; se lavoriamo tutti insieme i risultati arrivano ed il supporto del Ministero dell’Interno dice che siamo sulla strada giusta. Questo sistema permette di controllare le aziende e tutte le persone presenti nel cantiere poichè la sicurezza è fondamentale”.

“Questo protocollo è stato adottato per il cantiere del ponte e del Terzo Valico”, evidenzia Andrea Tafaria, segretario generale FILCA Cisl Liguria, “ed occorre monitorare sia la sicurezza che la formazione. E’un inizio importante tanto che il sindacato ha firmato i protocolli e li fa attuare”.

“Ringrazio il comune e chi ha reso possibile tutto questo”, ricorda Mirco Trapasso, segretario regionale Feneal Uil Liguria, “dicendo che questa tutela è giusta perchè ci sono in gioco molti soldi”.

“Quanto siglato è importante perchè permette di monitorare i flussi di manodopera per arginare il rischio di infiltrazione mafiosa nelle grandi opere”, commenta Federico Pezzoli, segretario generale Fillea Cgil Genova e Liguria, “ma è anche fondamentale creare uno scudo per flussi di manodopera. La Cassa Edile monitora tutto per capire se va tutto bene”.

“Questo è un protocollo che si può portare in altre realtà e con la presenza di grandi risorse del PNRR occorre fare molti controlli in contrasto alla mafia e alla corruzione; l’Autorità Portuale è il soggetto attuatore che svolge un lavoro difficile. Il lavoro del ponte è stato un esempio di celerità e buon lavoro; bisogna essere veloci ma svolgere i controlli antimafia ed è necessario seguire le filiere lavorando insieme. In merito all’ordine pubblico la situazione è rassicurante e saranno svolti interventi mirati per la sicurezza presso il centro storico e Samnpierdarena; il porto di Genova è sotto attenzione per la criminalità organizzata ma le forze dell’ordine lavorano bene e voglio ricordare che tutti i porti sono più sensibili ai traffici. Le Grandi Opere sono importanti ma vi sono elementi nuovi tra cui gli appalti ed i sub-appalti; il protocollo può essere esportato altrove e voglio ricordare che dopo il crollo del ponte Genova ha avuto una grande rinascita. E’prevista, nel centro storico, un’integrazione di forze dell’ordine i cui corsi sono stati sospesi a causa della pandemia; la situazione del porto genovese è simile a quella di altri porti italiani ma occorre attenzione per il centro storico ed il porto. Per le Grandi Opere è utile avere il commissario straordinario ed il governo centrale pensa a lavorare per la parte di sua competenza “, conclude il Ministro degli Interni Luciana Lamorgese.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: