Please assign a menu to the primary menu location under menu

CULTURA

Lo spettacolo “Paradiso XXXIII” con Elio Germano e Teho Teardo

Nelle serate da giovedì 24 a sabato 26 novembre, è andato in scena al Teatro Chiabrera di Savona, lo spettacolo “Paradiso XXXIII”, di e con Elio Germano e Teho Teardo, regia di Simone Ferrari &Lulu Helbaek.
“Uno dei più premiati attori cinematografici italiani insieme ad uno dei compositori più innovativi del Paese in uno spettacolo che ha mescolato musica dal vivo e ricerca sonora, sperimentazione video e recitazione”, questo a detta del direttore del teatro, Rajeev Badhan.
Uno spettacolo divulgativo senza che niente sia spiegato. Dante Alighieri, nel 33esimo canto del Paradiso, si trova nell’impaccio dell’essere umano che prova a descrivere l’immenso, l’indicibile, prova a raccontare l’irraccontabile. Questo scarto rispetto alla “somma meraviglia” sarà messo in scena creando un’esperienza unica, quasi fisica per lo spettatore al cospetto dell’immensità. Elio Germano e Teho Teardo sono voce e musica per dire la bellezza e avvicinarsi al mistero, l’immenso, l’indicibile ricercato da Dante nei versi del XXXIII canto del Paradiso.
Dal suono avvincente ed “etterno” germoglia la musica inaudita e imprevedibile del compositore d’avanguardia e scaturisce la regia visionaria e impalpabile di Simone Ferrari e Lulu Helbaek, poeti dello sguardo, capaci di muoversi tra cerimonie olimpiche, teatro e show portando sempre con loro una stilla di magia del Cirque du Soleil. Grazie alla loro esperienza crossmediale, accadrà qualcosa di magico e meraviglioso di inspiegabile, trascendendo qualsiasi concetto di teatro, concerto o rappresentazione dantesca attraverso una contaminazione di linguaggi tecnologici e teatrali. Si tratta di un progetto nato dopo la lettura alla presenza del presidente Sergio Mattarella a settembre 2020, in apertura delle celebrazioni del 700esimo anniversario della nascita del Sommo Poeta: la drammaturgia è dello stesso Germano, il racconto in note di Teardo e la regia di due artisti visionari come Lulu Helbæk e Simone Ferrari, che si sono già cimentati per le Cirque du Soleil e cerimonie olimpiche.Catturato dalla complessità, dalla dimensione infinita di Dante, dalla sua ansia e dalle sue inesauribili scoperte, il compositore Teho Teardo si è speso per raccontare un lavoro che di certo non ha lasciato niente al caso nell’aspetto musicale: “Ho cercato di rendere visibile l’invisibile. Quando il canto chiude la Divina Commedia e Dante finisce quello che non ha neanche potuto vedere, da quel momento sta a noi immaginare. Mi piace pensare a questo spettacolo come a una sorta di continuazione”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: