Please assign a menu to the primary menu location under menu

CULTURA

Quando il teatro fa riflettere

Lo spettacolo “Io odio – Apologia di un bulloskin ” di Valentina Diana con Luca Serra per la regia di Maurizio Bàbuin (produzione di Santibriganti Teatro di Torino)è andato in scena sabato 26 novembre alle 21 al Teatro Sacco di Savona, in concomitanza della giornata contro la violenza sulle donne celebrata venerdì 25. Non è che il primo capitolo della trilogia “Indagare il male”, la prima manifestazione del “maschio feroce”, padrone, in modo ancestrale votato alla lotta, non più per conquistare il sostentamento, ma crogiolandosi in posizioni di potere che irrorano di piacere o perdendosi alla ricerca di uno status frutto di retaggi non più tollerabili. Fare luce nel torbido, abituarsi a vedere, esaminando il processo dall’interno, dal punto di vista di chi il male lo fa, senza etichettare, escludendo il giudizio, esponendo i casi nella loro nudità perché la crudezza da sola può illuminare e conoscere e capire aiuta a superare. Il testo è nato da alcune riflessioni sulle devianze proto criminali e loro sviluppi, sorgenti spesso in età adolescenziale. Maurizio Bàbuin spiega: «L’intento è appunto indagare la nascita e lo sviluppo del male, che è soprattutto maschio, perché è spropositato il divario: per una donna che si macchia, ci sono cento uomini che delinquono, feriscono, stuprano, uccidono, disprezzano; considerando i fatti, più o meno gravi di cui si viene a conoscenza e quelli assai più numerosi che restano sconosciuti».
L’obiettivo artistico è quello di sviluppare una riflessione particolarmente forte che si incentri su categorie e loro derive tristemente protagoniste della nostra contemporaneità. Dal palco, l’odiatore svelerà, provocherà e non avrà remore a dire fino in fondo quello che pensa, raccontando ciò che ha fatto e urlando il suo odio, ormai sdoganato. Allo stesso tempo cercherà di portare in luce l’ipocrisia, facendo uscire alla luce l’odiatore che è presente in ogni persona. Fare luce nel torbido, abituarsi a vedere, esaminando il processo dall’interno, dal punto di vista di chi il male lo fa, senza etichettare, escludendo il giudizio, esponendo i casi nella loro nudità perché la crudezza da sola può illuminare e conoscere e capire aiuta a superare e a scegliere la parola.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: