Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀREGIONE

Premiati i protagonisti di Euroflora 2022

La collettiva della Regione Liguria a Euroflora 2022 si è nuovamente rivelata l’area espositiva che ha ottenuto più riconoscimenti tecnici, 50 in tutto, tanto da aggiudicarsi anche il Premio Giovanni Robiglio, alla sua prima edizione. Un premio istituito in memoria del grande protagonista della floricoltura ligure, determinante per la nascita e la crescita della stessa floralie. Regione Liguria insieme al Sistema Camerale, ha selezionato 11 protagonisti che si sono particolarmente distinti per il loro impegno professionale e per lo spirito di squadra contribuendo fattivamente alla riuscita delle diverse edizioni di Euroflora. I premi, nell’ordine, sono stati consegnati a: Vincenzo Enrico, storico produttore di orchidee che ha partecipato a tutte le edizioni di Euroflora, Annamaria Corti, nota fiorista genovese, Luca De Michelis, presidente del Distretto Florovivaistico della Liguria, Franco Barbagelata, responsabile tecnico dell’allestimento ligure delle ultime 4 edizioni di Euroflora, Bruno Manera, vivaista specializzato in piante grasse e rare, Paolo Corsiglia, rappresentante dell’agricoltura nella giunta della Camera di Genova e floricoltore, Fiorenzo Gimelli, funzionario storico di Regione Liguria, NIRP International, azienda leader che ha selezionato la Rosa di Genova, Floral Italian style, squadra affiatata di floral designer, Studio Lavarello, storico studio di architettura genovese che ha siglato parecchie edizioni di Euroflora dalla Fiera di Genova alla progettazione di quest’anno presso i Parchi e i Musei di Nervi e Massimo Ferrando, anima organizzativa della partecipazione ligure ad Euroflora.

“Durante questo evento tutti hanno fatto un grande sforzo ma occorre una riflessione a 360 gradi”, dichiara l’assessore regionale all’agricoltura Alessandro Piana, “senza dimenticare che la promozione del settore florovivaistico è fondamentale per la regione. Ringrazio Porto Antico per per tutto cosa fa ricordando che Euroflora è un importante palcoscenico che valorizza le eccellenze di questo mondo molto importante per la regione; tutte le filiere sono necessarie ma degna di nota è quella 4.0 di Albenga. La prima edizione della manifestazione nel 1966 vide protagonisti 660 floricoltori da tutto il mondo e l’evento continua a crescere; in questa edizione abbiamo avuto 24000 visitatori e ringrazio i soggetti che hanno partecipato tra cui gli allestitori, i manutentori e tutti coloro che hanno distribuito i vasi nei comuni liguri al termine della manifestazione. Quella si realizzare l’evento a Nervi è stata una scelta coraggiosa e siamo contenti dei risultati; sono 11 le personalità premiate ed abbiamo ritenuto doveroso premiare chi partecipa fin dalla prima edizione poichè abbiamo persone competenti”.

Parole simili da parte di Alessandro Cavo in rappresentanza della Camera di Commercio :”La promozione del territorio è importante così come gli eventi che hanno il sapore della ripartenza; spero che nel 2025 la situazione sia migliore ed Euroflora possa essere ancora più bella. E’fondamentale realizzare sempre più manifestazioni di questo genere visto che generano un importante indotto”.

“Ringrazio tutti coloro che hanno partecipato e lavorato”, afferma il presidente Giovanni Toti, “ricordando che questo evento è nel cuore dei genovesi, dei liguri e dei turisti che vengono qui. Euroflora è una parte importante della vitalità di Genova e quella di realizzarla presso i Parchi di Nervi è un’idea vincente; ringrazio il comune di Genova, Porto Antico spa e la Camera di Commercio. Tutto questo ha un importante ritorno per i soggetti coinvolti e la voglia di ripartire è tanta; il design ligure è stato molto apprezzato dimostrando che il Modello Genova non funziona solamente per il ponte ma anche nella realizzazione degli eventi”.

“Euroflora è stato un successo di critica”, sottolinea Mauro Ferrando, presidente di Porto Antico spa, “e questo format deve essere esportato. Associazioni di categoria come Confagricoltura ci hanno chiesto le modalità di organizzazione e ringrazio tutti i soggetti coinvolti tra cui la regione, il comune di Genova e la Camera di Commercio; nei 15 giorni in cui si è svolta la manifestazione abbiamo avuto 8 giorni di pioggia e nessun ponte ma nonostante tutto siamo contenti dei risultati”.

“L’impegno di tutti è stato notevole”, ricorda Paolo Corsiglia per la Camera di Commercio, “e ringrazio Luca De Michelis, presidente di Confagricoltura Liguria, e Mauro Ferrando. Le ultime due edizione sono state molto impegnative ma Porto Antico spa ha lavorato bene”.

“Ringrazio lo studio Lavarello dicendo che le persone ci hanno accolti bene”, conclude Gian Guido Ghione.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: