Please assign a menu to the primary menu location under menu

POLITICAREGIONE

Sampierdarena, nuove aree verdi, mitigazione dei flussi su lungomare Canepa, riqualificazione dei voltini ferroviari e nuovi parcheggi

Il quartiere di Sampierdarena e la Bassa Val Polcevera al centro di un piano articolato e integrato di interventi per il rilancio; con 160 milioni di euro, in parte finanziati dal PNRR-Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (misura 5C2), l’amministrazione comunale di Genova ha programmato interventi che hanno l’obiettivo di valorizzare e promuovere il quartiere all’interno di due macro ambiti del Municipio II Centro Ovest. Attenzione è riservata alla mitigazione dei flussi veicolari, anche in connessione con il porto, in particolare su Lungomare Canepa dove è prevista la realizzazione di un parco lineare e opere per abbattere l’attuale impatto acustico e ambientale dell’infrastruttura, migliorando la vivibilità del quartiere; parallelamente ai progetti dell’amministrazione comunale, la Struttura commissariale ha fatto uno studio sulla parte a monte di Lungomare Canepa. Uno studio volto a migliorare le condizioni abitative del cuore del quartiere, attraverso la creazione di un “parco diffuso”, con la creazione di aree verdi distribuite sul territorio; lo scopo dello studio ha due finalità: il miglioramento della vivibilità degli spazi, oggi in gran parte in disuso o in stato di abbandono,  e il contestuale aumento del valore immobiliare complessivo del quartiere, a favore dei residenti. Su via Buranello saranno riqualificati i 25 voltini ferroviari che saranno trasformati in spazi per la cittadinanza e sede di servizi come il bicibox e cantine collettive; gli interventi su quattro assi orizzontali di Sampierdarena comprendono la riqualificazione del tessuto stradale tra via San Pier D’Arena e via Cantore, con pedonalizzazioni presso alcuni edifici storici, che saranno acquistati dal Comune di Genova e restaurati, nuova connessione tra spazi pubblici, ristrutturazione delle pavimentazioni, la realizzazione di nuovi parcheggi, una corsia dedicata al TPL, corsie per la viabilità privata e un tracciato ciclo-pedonale. Nella riqualificazione dei percorsi pedonali, saranno implementate le aree verdi negli spazi pubblici e all’interno delle aree private, a partire dai cortili degli edifici con spazi in comune; inoltre, è prevista anche la riqualificazione di percorsi storici di connessione all’area a monte, da salita Millelire a salita Belvedere mentre in bassa Val Polcevera, nella zona del Campasso, l’area dell’ex parco ferroviario sarà risistemata e ospiterà un nuovo parco sportivo che sarà connesso, attraverso un percorso pedonale e ciclabile, al Parco del Polcevera e il Cerchio Rosso. Gli interventi al Campasso si aggiungono a quelli già in corso come il recupero dell’ex mercato ovoavicolo e la nuova viabilità che collegherà via del Campasso e via Fillak; la bassa Val Polcevera avrà interventi per un investimento complessivo di 58,5 milioni di euro.

“Questo è un progetto importante che prevede l’impiego di più di 200 milioni di cui 160 destinati a Sampierdarena coinvolgendo Lungomare Canepa, Forte Belvedere e Salita Millelire”, dichiara l’assessore ai lavori pubblici Pietro Piciocchi, “senza dimenticare la riqualificazione di Via Buranello ed i 60 milioni per la Bassa Val Polcevera con la strada del Campasso ed il Parco del Ponte. E’un lavoro ambizioso che sarà svolto in cinque anni effettuando la riqualificazione delle vie del centro; sono consapevole del fatto che avremo disagi causati da anni di cantieri ma ci sarà un quartiere più moderno in una città sostenibile. In totale saranno investiti 218 milioni : una parte proviene dal PNRR, una parte è stata concessa dal Ministro Giovannini per il Parco del Ponte e la restante parte sono fondi comunali”.

Stessa soddisfazione da parte di Simonetta Cenci, assessore all’urbanistica del comune di Genova :”Abbiamo iniziato a lavorare nella zona del Campasso dal 2019 con progetti importanti e studi pronti per essere finanziati dai bandi; è importante favorire lo sviluppo economico ma voglio ricordare che abbiamo 14 progetti per Sampierdarena tra cui il recupero del sedime delle ferrovie che diventa una sorta di parco senza dimenticare la valorizzazione degli edifici per portare qui spazi sociali e razionalizzare cosa è presente. Avremo anche un potenziamento del percorso tra il centro storico ed il lungomare ma anche progetti per il rafforzamento delle strutture sportive ed il risanamento delle infrastrutture portuali; saranno tre i tipi di progetti su cui lavoriamo : infrastrutture, immobili comunali ed un progetto di visione per le aree che saranno nostre da Sampierdarena a Cornigliano fino in Bassa Val Polcevera cercando trasversalità per una via veloce”.

“Questo è un lavoro di gruppo che ha presentato criticità per la zona di Sampierdarena”, afferma uno dei tecnici coinvolti, “ed è fondamentale mitigare gli assi con una struttura storica coinvolgendo il nuovo parco urbano lineare sul Lungomare Canepa. E’importante valorizzare l’asse di Via Buranello con la riqualificazione dei percorsi pedonali e le aree di Sampierdarena riaprendo anche Salita Millelire; la risistemazione degli immobili comunali con il restauro del Palazzo “La Fortezza” consolidando la struttura orizzontale e la flessibilità spaziale avrà un centro per l’arte e residenze per gli artisti senza dimenticare il restauro dei magazzini del sale con la partnership di diversi soggetti. Il progetto prevede la valorizzazione degli immobili di pregio abbandonati tra cui Palazzo Carpaneto ed i suoi affreschi; avremo l’acquisto e la demolizione dell’edificio di Via Noli al posto del quale verranno creati parcheggi e servizi tra cui la ricarica delle biciclette ed il bike sharing senza dimenticare il collegamento con Via Vittorio Veneto e la demolizione dell’edificio di Via Spadaro per creare un’area sportiva. Villa Pallavicini a Rivarolo sarà recuperata e restaurata creando al suo interno spazi espositivi; la pedonalizzazione tra Lungomare Canepa, Via Sampierdarena e Via Cantore è collegata al parco di Villa Scassi perchè si taglia da Via Cantore e la piazza del Teatro Modena sarà pedonalizzata nella parte di Piazza Monastero. Otto voltini sono già stati riqualificati mentre altri 25 sono a studio e tutti sono a disposizione del comune grazie ad un accordo con le ferrovie”.

“Ci sono criticità legate al tessuto abitativo per la congestione di alcune aree”, commenta l’architetto Tedeschi, “ma vi è bisogno di rivalutare il patrimonio immobiliare a favore dei residenti con la trasformazione di volumi fatiscenti in isolati verdi. Occorre effettuare una riqualificazione di superficie come soluzione al problema delle automobili pensando a parcheggi in concessione nel sottosuolo come nel caso di Via Cantore presso Villa Scassi, struttura privata dismessa presa a canone calmierato e realizzando posti auto privati per finanziare la sistemazione del verde; per l’area di Via Col si può pensare a zone di interscambio in uscita dell’autostrada ma la cosa fondamentale è il miglioramento della qualità della vita e la rivalutazione degli immobili”.

“Il progetto Caruggi è aperto e va bene così perchè è in costante crescita avendo molteplici fondi destinati a questo, 220 milioni in totale”, sottolinea il sindaco di Genova Marco Bucci, “ed i progetti sono a diversi livelli di avanzamento : già in esecuzione, pronti a partire come la strada del Campasso, progetto già pronto, idee, concetti. E’fondamentale collaborare con i privati e la linea verde tra Lungomare Canepa e Via Sampierdarena è importante per la riqualificazione; il progetto della cabinovia ha bisogno dell’aiuto di tutti e ringrazio gli uffici. Ogni delegazione ha diritto ad essere rigenerata e tra il 2025 ed il 2030 avremo una città nuova; l’allungamento della metropolitana tra Dinegro e Fiumara è allo studio del Ministero e non è ancora finanziato ma penso lo sarà. Il progetto globale coinvolge il Cerchio Rosso e parte del sottoponte fino al Campasso senza dimenticare i quattro assi orizzontali di Sampierdarena che saranno riqualificati; tutto serve ai residenti per fare attività sociale e ludica, parcheggiare e passeggiare nel verde. E’altresì fondamentale la riqualificazione delle aree private presenti nel quadrilatero degli edifici perchè occorre fare un buon lavoro; tutti devono sapere che Sampierdarena ha bisogno di una rigenerazione urbana che verrà fatta”.

“Abbiamo 14 progetti finanziati con 91 milioni del PNRR”, riprende l’assessore Piciocchi, “ed i voltini ci sono stati dati in uso dalle ferrovie”.

“Aspetto a vedere il progetto per dire se sono soddisfatto o meno; ho indicato le opere necessarie ed alcune sono state accettate. Ora restiamo in attesa dei fondi senza dimenticare il recupero dei voltini ferroviari che è molto utile e per ora bastano 25; riguardo ai depositi chimici voglio dire che è fondamentale cercare un’altra collocazione”, conclude il presidente del Municipio II Centro Ovest Michele Colnaghi.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: