C'era una volta la Serie A

C’era una volta la Serie A

I due anticipi del trentunesimo turno hanno confermato il Milan nel ruolo di arbitro dello scudetto. Un arbitro decisamente imparziale visto che, dopo il clamoroso 0-3 rifilato a domicilio alla Lazio (sconfitta anche a Lecce per 2-1), i rossoneri si permettono di prendere a schiaffi nientemeno che la Juventus: ben quattro – di cui tre, la prima delle quali su rigore, nel giro di sei minuti – le reti con le quali gli scatenati ragazzi di Pioli (venutisi a trovare, è bene ricordarlo, in doppio svantaggio all’inizio della ripresa) rispediscono sotto la Mole la compagine di Sarri al termine di un incontro destinato a essere ricordato a lungo dai tifosi milanisti, ma probabilmente ancora di più da quelli bianconeri. Che tuttavia possono dormire sonni tranquilli: sette lunghezze sulla più immediata inseguitrice, peraltro decisamente appannata, ad altrettante giornate dalla conclusione costituiscono sempre un ottimo margine di sicurezza. Ma quanto aveva ragione chi affermava che questo mini-torneo estivo avrebbe potuto riservare sorprese…

Archiviati le rinnovate speranze di salvezza salentine e i fuochi d’artificio di San Siro, il massimo campionato propone oggi una serata decisamente ricca sia per il numero di gare in programma (sei, quattro delle quali fissate per le ormai non più inconsuete 21,45) che per il significato collegato agli obbiettivi delle contendenti. Si parte alle 19,30 quando il Luigi Ferraris di Genova vedrà opposte Genoa e Napoli mentre, in pari tempo, l’Artemio Franchi di Firenze sarà “teatro” di Fiorentina-Cagliari. Se affermare che per il “Grifone” – nel frattempo scavalcato dal Lecce e relegato al terzultimo posto – non esistono alternative a un risultato positivo contro i partenopei è poco meno che lapalissiano, il match tra i viola di “mister” Iachini, tornati a respirare dopo il successo in quel di Parma, e i rossoblu guidati da Zenga, ancora con l’amaro in bocca per lo stop interno contro l’Atalanta, rimanda inevitabilmente a un’epoca rimasta nel cuore di tutti gli amanti del calcio romantico.
È infatti il 12 ottobre 1969 allorquando al Comunale di Firenze (allora si chiamava semplicemente così) va in scena il match clou della quinta giornata del sessantottesimo campionato di Serie A, trentottesimo a girone unico. Che cosa c’è di così speciale? Semplice: si contrappongono le due squadre protagoniste, l’anno precedente, di un’accesa lotta per la conquista del tricolore che aveva visto prevalere la Fiorentina dopo che, per lunghi tratti, era stato il Cagliari a occupare la vetta della classifica conquistando, fra l’altro, il platonico titolo di campione d’inverno. I toscani – imbattuti dalla quinta giornata di quel torneo – guidano la graduatoria a punteggio pieno, seguiti a una lunghezza dai sardi e a due dalle milanesi. Spalti gremiti al limite della capienza per un incontro che non risparmierà strascichi polemici, come da tradizione quando sono chiamate a fronteggiarsi le due formazioni più forti del momento, in questa occasione agli ordini – e non potrebbe essere altrimenti – del “principe dei fischietti”: il siracusano Concetto Lo Bello, giunto alla sua duecentosessantunesima direzione arbitrale che gli vale la consegna di una medaglia d’oro ricordo da parte dai guardalinee.

I ventidue giocatori entrano in campo sereni, ma il nervosismo affiora ben presto. Passano appena due minuti e Rizzo viene sgambettato: la sua punizione è senza esito. Al 7’ il Cagliari perviene al gol: punizione di Nené e colpo di testa vincente di Riva, ma l’arbitro annulla per l’evidente carica su Superchi. Tre minuti dopo, ancora su punizione, lo stesso Riva costringe l’estremo difensore viola a un difficile intervento. La Fiorentina si spinge in avanti: un fallo su Longoni viene sanzionato con una nuova punizione calciata da Rizzo e respinta corta da Albertosi, prima che Martiradonna liberi definitivamente. Al quarto d’ora i padroni di casa potrebbero sbloccare il risultato: triangolazione Longoni-Merlo-Chiarugi, ma la conclusione di quest’ultimo è fuori misura. A gol sbagliato, si sa, corrisponde spesso gol subito; quando poi, cinque minuti più tardi, gli uomini di Scopigno si trovano a usufruire di un rigore ecco che dette probabilità aumentano. È infatti il 20’ quando Nené, dopo essersi bevuto Esposito in dribbling, porge a Zignoli che viene spinto in area da Rizzo. Malgrado il fallo non sia stato particolarmente evidente, Lo Bello non ha dubbi e decreta la massima punizione a favore dei rossoblu, della cui esecuzione si incarica, naturalmente, Riva: pallone da una parte, portiere dall’altra.

Nel secondo tempo il Cagliari si copre affidandosi al contropiede, mentre la Fiorentina comincia a premere nella speranza di raggiungere gli avversari: compito non facile per gli uomini di Pesaola, perché il lavoro di spola di Domenghini, l’intelligente interdizione di Nené e gli slanci improvvisi di capitan Cera rappresentano un pericolo continuo con Riva scattante su ogni palla. Tuttavia, al 7’, i gigliati si producono in una bella manovra: da De Sisti a Chiarugi e, con un rimpallo vincente ad Amarildo, ma il gran destro del brasiliano è deviato sopra la traversa da un ottimo intervento di Albertosi. Due minuti dopo Merlo va a terra in area, ma l’arbitro opta per la simulazione e ammonisce il centrocampista. La pressione viola si infittisce: al 12’ Ricky si mette nuovamente in evidenza neutralizzando un tiro dalla distanza di Chiarugi a chiusura di una triangolazione con Rizzo e De Sisti.
Contropiede cagliaritano al 19’: Cera si libera di Esposito e apre per Riva ma Superchi, con una grande parata, dice di no. Altri quattro minuti e il numero 1 della Fiorentina si supera su una bordata del cannoniere rossoblu. L’ingresso di Mariani – subentrato a Merlo al 24’ – vivacizza l’attacco dei campioni d’Italia, mentre il Cagliari gioca completamente coperto. Il copione non cambia: i padroni di casa premono ma in modo spesso confuso, gli ospiti controllano con vigore e lucidità.

Al 33’ – quattro minuti dopo una mischia in area cagliaritana risolta da Albertosi – i viola protestano per un presunto fallo di mano (rivelatosi inesistente) di Martiradonna su tiro di De Sisti. Gli animi si infiammano: Martiradonna rifila un calcio a Chiarugi e lo manda a terra, Amarildo vendica immediatamente il compagno stendendo il difensore rossoblu con un cazzotto dietro la nuca. Lo Bello espelle entrambi nonostante Martiradonna, seppure mezzo intontito dalla botta, abbia cercato invano di professare la propria innocenza.
Al 41’ è invece il pubblico a invocare la massima punizione per un “sandwich” di Nené e Riva ai danni di Esposito; per l’arbitro è calcio a due in area. Nell’azione successiva De Sisti scova Chiarugi al centro e gli urla di tirare; il numero 7 gigliato non se lo fa ripetere e con un rasoterra trafigge Albertosi, ma Lo Bello annulla prontamente avendo rilevato un fuorigioco di posizione di Mariani. Ancora una volta si tratta di una decisione giusta, ma i tifosi fiorentini non se ne fanno una ragione – a fine gara assediano per ore i giocatori del Cagliari all’interno degli spogliatoi ottenendo, come unico risultato, la squalifica del campo per una giornata – come neppure un dirigente della società toscana, che insulta Riva e ne subisce la reazione prima che i due vengano separati dai presenti, mentre Lo Bello viene salutato al grido di «Du-ce, Du-ce». Per la cronaca sportiva, invece, il Cagliari, grazie alla prima vittoria centrata a Firenze, balza da solo in vetta alla classifica e tra sei mesi esatti – dopo appena sei stagioni nella massima divisione, un record – si cucirà sulle maglie il triangolino tricolore. Se in seguito solamente Lazio e Roma, campioni d’Italia rispettivamente nel 2000 e nel 2001, riusciranno nell’impresa di spezzare l’egemonia nordista per due anni di seguito, lo scudetto non scenderà mai più così a sud né tantomeno attraverserà più il mare per approdare su un’isola. Una sola volta, ma indimenticabile; tant’è vero che ancora oggi siamo qui a parlarne. E ne parleremo, probabilmente, per sempre.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: