C'era una volta la Serie A

C’era una volta la Serie A

Sarà Lecce-Milan, insieme a Fiorentina-Brescia, a inaugurare, questa sera alle 19,30, l’ottava giornata di ritorno del campionato di Serie A. Un match, quello fra salentini e lombardi, che non può non rimandare alla mente quello andato in scena allo stadio Via del Mare il 23 ottobre 2011. Una giornata tristissima per il mondo dello sport: sul circuito di Sepang, nel corso del secondo giro del Gran Premio motociclistico della Malesia, Marco Simoncelli rimane vittima di un tragico incidente. Il calcio tributa cordoglio e rispetto per la morte del giovane pilota romagnolo osservando su tutti i campi un minuto di silenzio.

Per il Milan di Allegri, campione d’Italia in carica ma sorprendentemente impantanato a metà classifica con 8 punti, la motivazione è quindi doppia: conquistare l’intera posta non soltanto per non perdere ulteriore terreno ma anche per onorare la memoria di “Sic”, notoriamente grande tifoso milanista. Di fronte c’è però un Lecce che di punti ne ha conquistati la metà rispetto ai rossoneri, non ha ancora vinto davanti al proprio pubblico – l’unico successo, un 2-0 sul Bologna, è giunto in trasferta – e staziona pericolosamente sul quartultimo gradino in compagnia di Inter (!) e Bologna precedendo soltanto il Cesena, fanalino di coda con appena 2 punti. Insomma, per opposti motivi nessuna delle due squadre può permettersi ulteriori passi falsi. Ma alzi la mano chi, compreso il più ottimista dei tifosi leccesi, avrebbe immaginato di vedere la squadra scudettata chiudere il primo tempo con tre gol sul groppone. Eppure è successo, vediamo come.

Allegri propone un centrocampo solido composto da Nocerino, van Bommel e Ambrosini, mentre in avanti lancia Robinho a supporto di Ibrahimović e Cassano. Tuttavia al Lecce bastano 4 minuti per passare: su punizione di Grossmüller, Giacomazzi anticipa un goffo Yepes e Abbiati infilando di testa. La formazione di Di Francesco prende coraggio: è scintillante e aggressiva, sembra una squadra di marziani al cospetto di un Milan che non riesce a velocizzare il proprio gioco. Al 20’, il raddoppio: su calcio d’angolo di Grossmüller Abbiati abbranca il pallone ma se lo fa sfuggire urtandosi con Abate e, finendo a terra, tocca con la mano il ginocchio di Corvia e lo stende. Nonostante la caduta dell’attaccante giallorosso fosse in realtà iniziata prima del contatto con il portiere, per l’arbitro Peruzzo di Schio non ci sono dubbi: è rigore. Dal dischetto il grande ex Massimo Oddo (sì, proprio il campione del Mondo a Berlino 2006, ormai trentacinquenne) trasforma. Gli ospiti sono in bambola, i padroni di casa sono ormai tali anche del campo e al 37’ calano il tris con Grossmüller che, imbeccato da Giacomazzi, anticipa in uscita Abbiati e deposita in rete: Lecce in Paradiso e Diavolo più che mai all’inferno.

Non è dato sapere – anche se si può immaginare – che cosa abbia detto Allegri ai suoi ragazzi negli spogliatoi, fatto sta che quello rientrato in campo nella ripresa è tutto un altro Milan. Tanto per cominciare il tecnico sostituisce Ambrosini con Aquilani e, soprattutto, manda in campo Boateng al posto di Robinho. Gli effetti si notano subito: prima il “Boa” scalda le mani a Benassi che devia in corner un suo tiro dalla distanza su tocco di Cassano; poi, su apertura dello stesso Cassano, fa partire un diagonale che va fuori di poco; infine, su cross in area di Aquilani, ha spazio per caricare un sinistro che si insacca nel “sette”. È il quarto minuto – proprio come nel primo tempo – e la gara è riaperta. I rossoneri si sono ripresentati sul terreno di gioco come Rocky Balboa nella rivincita contro Clubber Lang, ovvero con gli occhi della tigre; i salentini arretrano troppo il raggio d’azione e fatalmente ne pagano le conseguenze. Al 10’ il tedesco-ghanese si ripete: questa volta il piede utilizzato è il destro, ma il risultato (gran botta dal limite) è nuovamente un capolavoro che Benassi può solo ammirare. Altri 8 minuti e il “Prince” ottiene la certezza di portarsi a casa il pallone allorquando, ancora di destro, infila sul primo palo la rete del pareggio. L’intero stadio non crede ai propri occhi.

Di Francesco prova a scuotere i suoi ragazzi, ma il Lecce è ormai un pugile suonato rassegnato a parare i cazzotti con la faccia. E al 38’, puntuale, arriva il colpo del KO: Cassano, lasciato per l’ennesima volta inspiegabilmente solo, scodella un pallonetto che consente a Yepes (sino a quel momento tra i peggiori in campo) di svettare di testa sul secondo palo per il gol del sorpasso. 3-4 e Via del Mare letteralmente gelato. La tabella stilata da Max Allegri successivamente al 3-0 casalingo inflitto al Palermo 8 giorni prima – vittoria in tutte le gare prima della pausa di metà novembre – verrà pienamente rispettata: dopo aver espugnato Lecce, i rossoneri centreranno altri tre successi consecutivi che li proietteranno a un punto dalla vetta occupata da Udinese e Lazio (a fine torneo rispettivamente terza e quarta alle spalle della prima Juventus targata Antonio Conte, che tornerà a cucirsi lo scudetto sulle maglie dopo gli anni bui del dopo-Calciopoli, e dello stesso Milan). Il Lecce, nonostante l’avvicendamento in panchina (Cosmi subentrerà a Di Francesco a inizio dicembre), non riuscirà a bissare la salvezza dell’anno precedente. E il peggio deve ancora arrivare per i giallorossi i quali, coinvolti nell’ennesimo scandalo scommesse che investe il calcio italiano, verranno declassati in Lega Pro Prima Divisione. Non sarà che il preludio a uno dei periodi più difficili della storia del club salentino, che solo alla fine del decennio appena trascorso saprà risollevarsi – invero repentinamente – con un doppio salto dalla C alla A sotto la guida tecnica di Liverani, tuttora saldamente in sella.

2 commenti

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: